You're all idiots. Unless I am
3 Aprile Apr 2012 1301 03 aprile 2012

La bellezza di Caltagirone Editore

Dopo il discorso che ho fatto qualche settimana fa sul valore degli immobili detenuti da Caltagirone, sono tornato a guardare le altre societa' del gruppo e Caltagirone Editore e' saltata fuori. E' un azienda interessante che dovrebbe essere rinominata Caltagirone Contanti per la liquidita' che ha.

Al fine dell'anno 2011, aveva cassa per € 230mln e debiti per € 51mln per una posizione finanziaria netta di € 179mln. In piu', ce n'erano partecipazioni a lungo (Generali, credo) per € 77mln e a breve per € 12mln (BMPS, credo). In piu', esiste un azienda che produce i giornali e che ha registrato una perdita netta del € 3mln al livello dell'EBIT. Il problema e' che Caltagirone detiene solo il 53.4% dell'azienda, quindi non ha accesso a questi contanti. L'azienda e' in fondo della piramide e sopra ci ne sono varie azionisti di minoranza.

Comunque se dico che i giornali valgono niente, le partecipazioni e i contanti valgono € 268mln, mentre l'azienda sul mercato vale € 119mln. 55% in meno. Quindi perche' non fare un OPA, anche ad un prezzo 50% piu' alto, e portare via l'azienda? Sarebbe sempre ad un sconto notevole e la famiglia avrebbe accesso diretto alla cassa.

Ho parlato gia' con clienti di questo investimento, quindi 'I'm talking my book', caveat emptor, non fidarvi di qualcuno chi scrive gratis su internet, etc. Ma e' interessante scoprire questa societa' molto sottovalutato nella galassia di Caltagirone. Dovrebbe fare l'editorialista, non immobiliarista.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook