Leccaprincipi e Mamelucchi
4 Aprile Apr 2012 1252 04 aprile 2012

Damon lo stregone, John Dee l'alchimista

Non chiamatelo demonio. Anche se con una carriera così Damon Albarn qualche suggerimento dall'oltretomba l'avrà di certo avuto. Per chi se lo ricorda tutto Blur e ciuffo anni '90 qualcosa è cambiato: ha studiato, viaggiato, è diventato un cartone animato con i Gorillaz e si è lasciato alle spalle decine di collaborazioni d'oro. Le ultime? The Good, the Bad & the Queen con Paul Simonon, Simon Tong e Tony Allen, batterista di Fela Kuti. E poi Rocketjuice and the Moon sempre con Allen alla batteria e Flea dei Red Hot (ormai la band è solo una macchina da soldi) al basso. Ma il moderno Faust non si stanca e si prepara a uscire con un nuovo album solista: Dr Dee, a new studio album, il 7 maggio su Parlophone. Diciotto tracce per raccontare la storia di John Dee. Matematico e alchimista dedito all'occultismo vissuto nel 1600. Che sia sir Dee a suggerire ritmi e melodie ad Albarn? Intanto, giusto per dovere di cronaca, i Blur (e dunque Albarn) son di nuovo al lavoro. Il disco uscirà il prossimo autunno.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook