Andrea Tavecchio
Fisco e sviluppo
4 Aprile Apr 2012 0746 04 aprile 2012

Mario Monti a La Stampa non parla di taglio alla spesa

Bruno Visentini, già allievo di Ezio Vanoni e due volte ministro delle Finanze, si dice sostenesse che il patto sociale che reggeva il consenso della prima repubblica fosse che al Nord la politica non combatteva con troppa attenzione l'evasione fiscale e al Sud permetteva sprechi e ruberie.

E' una visione che gli anni successissivi alla morte di Visentin hanno dimostrato essere più complessa, nel senso che l'evasione c'è anche al Sud e gli sprechi anche al Nord, ma è indubbio che evasione fiscale e mala gestio siano due faccie della stessa medaglia.

Sono tra quelli che credono che sia la fine della Democrazia Cristiana all'inzio degli anni 90' che il crollo di Berlusconinel 2011 siano dovuti alla sbiellatura del sistema fiscale. Sia la DC che Berlusconi hanno perso il consenso quando, sotto pressione per un debito fuori controllo con un rapporto - in tutti e i due casi - pari al 120% sul Pil, non sono stati capaci di intervenire sul lato della spesa ed hanno aumentato le tasse senza intervenire sul lato delle uscite. Il circolo vizioso è stato nessun taglio di spesa pubblica parassitaria, più tasse, meno crescita e quindi sfiducia sia a livello internazionale che di consenso tra l'opinione pubblica.

Mario Monti rilascia oggi una lunga ed interessante intervista al direttore de La Stampa, in cui purtroppo manca un capitolo dedicato a come tagliare la spesa parassitaria. Senza questo passaggio sulla spesa la "Rivoluzione Liberale" che il Premier vuole compiere è incompleta e destinata nel medio periodo a far tornare l'Italia dove era. Sull'orlo del baratro.

Si metta mano, senza indugio e senza paura, ai tagli agli sprechi e alla modernizzazione del nostro Stato. Adesso basta tasse, spendere meno e meglio sarebbe la vera rivoluzione.

twitter @actavecchio

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook