Saro Capozzoli
Bussola cinese
11 Aprile Apr 2012 1448 11 aprile 2012

Mare Cinese Meridionale, per evitare la guerra con Pechino il Vietnam si allea con Mosca

Il Vietnam adotta la strategia delle alleanze per disincentivare l’eventuale guerra paventata dalla Cina per il controllo delle isole e dei fondali a sud della Cina.

Il Vietnam ha da poco firmato un accordo con la russa Gazprom per lo sviluppo e sfruttamento comune del gas presente sotto i fondali del Mare Cinese contesi da tempo con la Cina.

Per il momento si tratta di un giacimento di circa 55.6 miliardi di metri cubi di riserve di gas che la Russia sfrutterà per una quota del 49%.

Questa mossa del Vietnam pone un problema non da poco per la Cina che da sempre rivendica la sovranità su questi mari e che sembrava pronta a scatenare una guerra lampo per rivendicare i propri confini e interessi nell'area.

I rapporti con il Vietnam non sono stati sempre molto sereni e questa mossa non potrà che complicare la situazione.

E’ infatti tempo che in Cina si parla di una guerra dimostrativa per rimarcare i confini mai accettati dal Vietnam ma anche dalle Filippine e Indonesia.

La ricerca a nuove fonti energetiche sta portando le potenze del pianeta ad un confronto sempre più diretto e lontano dalle proprie aree di influenza, come la Russia nel mare cinese, la Cina sempre più influente in Africa come in Sud America e persino nel mediterraneo con interessi sempre più forti in Libia e Algeria.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook