Pop Levante
12 Aprile Apr 2012 0945 12 aprile 2012

L'arte come protesta, la rivolta gentile dei giapponesi contro il nucleare

A volte l’arte può nascere anche dalle disgrazie. In Giappone sono aumentate negli ultimi mesi le manifestazioni contro il nucleare e neanche l’arrivo del tanto atteso Hanami le ha fermate. Davanti alla sede della Dieta nazionale a Tokyo, un presidio fisso di persone protesta contro l'uso dell'energia atomica. La rabbia è aumentata con il passare del tempo, dopo il rischio corso con la distruzione di tre reattori nucleari nella centrale di Fukushima a seguito dello tsunami dell'anno scorso. Per i pacifici manifestanti, l'artista Nao Matsumoto ha creato delle candele a forma di mano con dito medio alzato, per lanciare un messaggio chiaro ai politici giapponesi su ciò che la popolazione pensa ora del nucleare. Un'altra protesta, gentile nei modi e silenziosa nel suo svolgimento, l'ha messa in atto il regista Hayao Miyazaki, premio Oscar per La città incantata. L'artista ha camminato per le strade di Tokyo con un cartello contro il nucleare al collo, insieme a due amici e al suo cane. Senza esagerare, ma lanciando un messaggio forte, com'è tipico dei giapponesi. Un popolo non avvezzo alle manifestazioni, ma che si sta riscoprendo politicamente attivo dopo l'emergenza dell'anno scorso. Gli attivisti di Stop Nuclear invece, hanno concesso la possibilità ai propri sostenitori di dare libero sfogo a pensieri ed emozioni su quadri e poster. Le stesse tele sono state poi esposte in vari musei e portate in mano dagli autori nelle manifestazioni cittadine. Niente scontri con la polizia né lacrimogeni o manganelli, perchè anche con l'arte e il silenzio si può mandare un messaggio di protesta.

Le candele dei manifestanti

La protesta silenziosa di Hayao Miyazaki

I poster di StopNuclear

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook