Altro Che Sport
16 Aprile Apr 2012 0340 16 aprile 2012

Il calcio professionistico italiano, dove (quasi) tutto è irregolare

L’indagine sul calcioscommesse sta facendo lavorare 3 procure (Bari, Cremona e Napoli) su 75 partite disputate in Serie A e B e «più di 100» tesserati tra calciatori, allenatori e dirigenti a vario titolo. In questo quadro dovrebbe disputarsi un campionato regolare

in cui si dovrebbero stabilire classifiche di merito per l’iscrizione delle squadre e delle società alle coppe europee della prossima stagione, oltre alle retrocessioni a serie inferiori e promozioni a serie superiori.
Cioè, da evidenti irregolarità dovrebbero scaturire plausibili regolarità – in attesa che le indagini (con i loro tempi) possano concludersi e gli organi giudicanti poi comminare o meno delle sanzioni.
È davvero dura mantenere ancora fiducia.

Le dimensioni precise dell’inchiesta ha tentato di delinearle Roberto Pelucchi sulla Gazzetta dello Sport dello scorso 14 aprile – sebbene nemmeno lui, compulsando i verbali disponibili, sia riuscito a capire quante persone siano coinvolte («più di 100», però, di sicuro).
Per quanto riguarda le partite irregolari, Pelucchi ne ha contate 75, tra Serie A e Serie B, a partire dal 2006. In questo lasso di tempo si sono disputati 6 campionati, per un totale di quasi 5˙000 partite, considerando che le 20 squadre di A ne giocano 380 a stagione mentre le 22 di B arrivano a 462. Su una mole così grande, 75 partite truccate potrebbero sembrare quasi una sciocchezza... solo l’1,5%. Invece è un dato che fa accapponare la pelle. Significa che ogni 5 giornate (composte ognuna da 10 partite di A e 11 di B, cioè 21) c’è stata quasi sicuramente 1 partita falsata, forse 2.
Non una ogni tanto, e solo a fine torneo quando in pratica tutto è deciso nelle varie classifiche, bensì almeno 1 al mese, ogni mese in cui si gioca il calcio professionistico.

Per tentare di arginare simili comportamenti, la giustizia calcistica italiana ha definito per le società calcistiche 3 tipologie diverse di responsabilità: diretta, presunta e oggettiva.
Li ha ben spiegati Maurizio Galdi sulla Gazza del medesimo 14 aprile. La responsabilità «diretta» della società si ha quando un dirigente si rende colpevole dell’illecito; la responsabilità «presunta» si ha quando una società trae vantaggio da una situazione all’insaputa dei dirigenti; la responsabilità «oggettiva» si ha quando un tesserato qualsiasi della società abbia commesso o anche solo tentato un illecito.
Le punizioni sono sostanzialmente di 2 tipi: amministrativo, cioè multe, e sportivo, sotto forma di retrocessioni e/o penalizzazioni nel campionato in corso e/o nei successivi.
Per i singoli tesserati, si va dalla squalifica per un periodo di tempo fino alla radiazione a vita.

Sono le stesse tipologie di sanzioni che c’erano nel 2006, all’epoca di Moggiopoli, e in tanti altri casi precedenti compreso quello del 1980, a seguito del quale società importanti come il Milan finirono in B e cambiarono parecchi dirigenti, e calciatori della Nazionale come Paolo Rossi non poterono giocare per lunghi periodi.
Cioè, le sanzioni sono state comminate, ma le cose non sono migliorate. Sempre più difficile fidarsi.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook