Laboratorio Sicilia
26 Aprile Apr 2012 1621 26 aprile 2012

Sicilia, un deputato regionale Udc evoca le dimissioni di massa

Due episodi contraddistinguono la giornata politica odierna nel Palazzo siciliano: il discorso in Aula del governatore regionale Raffaele Lombardo, e la presa di posizione del Commisario dello Stato che ha impugnato la finanziaria regionale approvata la scorsa settimana.

Ma è su quest'ultimo fatto che si è aperta una faglia all'interno del parlamentino siciliano. Il partito di Casini, l'Udc, il più attivo. Gianpiero D'Alia, capogruppo al Senato dell'Udc, evoca il commissariamento della Regione. Mentre un deputato regionale, sempre dell'Udc, Marco Forzese, arriva a dire:"In un momento di gravissima crisi sociale, economica ed occupazionale l'operato del governo regionale appare sempre più inadeguato e lontano dalle vere e drammatiche istanze delle famiglie e delle imprese siciliane. Le alchimie di palazzo sono diventate l'unica cifra distintiva di una fase di governo sempre più povera di idee e contenuti. Sta a noi compiere un atto di responsabilità ed amore per la nostra terra: se 46 di noi accetteranno di mettersi in discussione, sottoponendosi nuovamente al corpo elettorale, potremo prepararci per una nuova fase politica che sappia dare risposte alle tante, troppe, tragedie della nostra amata Sicilia".

Dimissioni di massa? Chi lo seguirà?

giuseppealberto.falci@gmail.com

Twitter: @GiuseppeFalci

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook