Le istituzioni diano un segnale in tema di violenza sulle donne

27 Aprile Apr 2012 1631 27 aprile 2012 27 Aprile 2012 - 16:31

In Italia il 2012 si sta distinguendo per  l'innalzamento di violenza contro le donne: 54 dall'inizio dell'anno uccise dal partner per motivi che, come detto più volte, i media imputano a 'gelosia', 'passione' o 'troppo amore'.

Vanessa Scialfa, 20 anni, è l'ultima vittima della mattanza. A quanto si apprende, strangolata dal convivente per aver pronunciato in un momento di intimità il nome di un ex. Gettata, poi, da un cavalcavia come materiale inquinante di cui è difficile disfarsi.

Un essere umano, non un numero! Una donna la cui breve vita è stata stroncata dalla violenza dell'aguzzino mai immaginato. Una ragazza a cui è stato negato il diritto di costruire un futuro, vittima impotente dell'umana bestialità.

Molte sono le persone che invocano una presa di posizione da parte delle istitutizioni che, oggi,  sembrano essere indifferenti rispetto a quella che è diventata una "pratica" di fine relazione: l'omicidio. Si chiede l'introduzione del femminicidio nel codice penale, ripercorrendo l'iter legislativo proposto dal recente disegno di legge argentino.

L'Argentina ha, infatti, approvato la possibilità di  imputare all'assassino, laddova sussistano i requisiti, l'aggravante di omicidio di genere, che evidenzi una violenza perpetrata contro la donna in quanto tale.

Nonostante, sopratutto le donne e le associazioni che si battono contro la violenza di genere, abbiano salutato la modifica del codice penale argentino come un segnale di progresso, altri commentatori (si vedano i commenti all'articolo linkato) hanno interpretato l'introduzione legislativa come una valutazione di superiorità del corpo femminile, definendo il disegno di legge come sessista e iniquo.

Non essendo questa la sede adatta a disquisire sulla legittimità di un disegno di legge di un ordinamento, per altro, straniero, si fa appello alle autorità competenti di farsi carico di delineare un'ipotesi legislativa, equa per ogni soggetto, che possa fungere da deterrente alla violenza, senza ledere l'uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge, meditando nel contempo sui fattori socio-culturali che sono alla base di quella che è una vera e propria emergenza sociale.

118 giorni dall'inizio del 2012, 54 donne uccise per mano di uomo cui erano legate sentimentalmente. Ignorare, a questo punto, equivale a rendersi complici e noi, non vogliamo esserlo.