Cervelli sotto spirito e ossa sporadiche
4 Maggio Mag 2012 0854 04 maggio 2012

Austerity vaticana: lo spettro dei licenziamenti varca il portone di Bronzo

"In Vaticano sono state fatte troppe assunzioni con sistemi discutibili e criteri poco chiari. Ma, quel che è peggio, tra chiamate dirette e finti concorsi, il nepotismo l'ha fatta da padrone. Ora è tempo di tagli..." - lamenta un cardinale titolare di uno dei più importanti dicasteri della S. Sede.
Ad essere preoccupati sul futuro del loro posto di lavoro, i circa 3000 dipendenti che attualmente sono impiegati nelle varie amministrazioni pontificie (Governatorato, Fabbrica di San Pietro, Musei, Curia, Osservatore Romano, Radio Vaticana....).

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook