Giardiniera urbana
9 Maggio Mag 2012 0916 09 maggio 2012

Aiuole milanesi: di tutto di più

Arriva la primavera, e le aiuole desolate del nostro lungo inverno hanno lasciato il posto a colori variegati, bulbi di tutti i generi, stagionali multicolori, graminacee e arbusti, cavoli e gerani.
Sarebbe bello potere avere un progetto dietro la manutenzione delle aiuole nella città di Milano, invece che un esemplare di tutte le varietà possibili piantabili in un’area verde pubblica.
La manutenzione e la gestione delle aiuole dovrebbe modernizzarsi : abbandonare l’idea vittoriana della decorazione della città, (con alcune eccezioni alle piazze monumentali) basate su stagionali, bulbi dalle mille tonalità, costi di manutenzione elevati e assumere una visione più naturalistica e paesaggistica, portando la natura in città. Parigi ne fa buon uso nelle sue aree pubbliche urbane, utilizzando graminacee, arbusti, erbacee perenni, che seguono naturalmente la loro crescita stagionale, anno dopo anno.
Ecco alcuni esempi di aiuole fotografate a Milano in questo inizio di primavera. Lascio a voi i commenti su quali pensiate siano le più appropriate.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook