Massimiliano Gallo
Mi consento
10 Maggio Mag 2012 0906 10 maggio 2012

Ah, se Monti avesse ascoltato i consigli della mamma

Dovendo scegliere la perla apparsa sui quotidiani di oggi (il cosiddetto popolo della carta), non ho dubbi. Però vorrei anche evidenziare chi ho scelto come finalista. E il secondo è senz’altro è Walter Veltroni con la sua intervista rilasciata ad Aldo Cazzullo in cui rilancia la visione palindroma dell’attuale crisi che affonda le radici in quella del 29 e del 92.

Fantastica, non c’è che dire ma oggi, sempre sul Corsera, c’è una chicca che non può passare inosservata. Avevamo già scritto del ritorno al retroscena che inizialmente Mario Monti aveva reso asfittici, e che poi ha finito per utilizzare. E a pagina 3 c’è un pezzo a firma Marco Galluzzo in cui traspare la stanchezza e la parziale delusione del presidente del Consiglio. Sia per i carichi di lavoro sia per le critiche che riceve.

Il passaggio memorabile è nelle ultime righe, quando il giornalista scrive, riferendosi a Monti ovviamente: “Sua madre gli diceva, tanti anni fa: fai tutto quello che puoi e che vuoi, ma «non andare a Roma, non ti mischiare con la politica» (si badi bene, tra virgolette, ndb). I problemi, e l’amarezza di oggi, sembrano avverare, in parte, quell’avvertimento”. E noi, poveri lettori, costretti a cercare un fazzoletto perché incapaci di trattenere la commozione. 

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook