Parsifal
21 Maggio Mag 2012 1355 21 maggio 2012

E il voto conferma lo scenario italiano, quallo di una "polvere sospesa"

I ballottaggi elettorali nelle città consegnano una geografia politica frammentata e incerta: in fondo l’unica incognita risolta è il peso del “Movimento 5 Stelle”. D’altronde il successo di Parma (e non solo), con un’onda lunga particolarmente alta non scioglie l’enigma se si tratti di una “bolla mediatica” amplificata dai social-network e da una tendenza di moda oppure di un arcipelago multiforme che si va radicando sul territorio in lenta costruzione di una originale linea politica che sostanzi le provocazioni e le invettive del guru Beppe Grillo.

Nessuno nega dignità politica alla nuova realtà di aggregazione, pur dai confini sfumati e talvolta ambigui: eppure anche questo movimento con un forte vento in poppa sembra essere anch’esso immerso nel generale clima politico e sociale che appare contraddistinguere questa strana stagione collettiva. E cioè in tutti gli ambiti del Paese sembra di vivere in una condizione di “polvere sospesa”, in attesa cioè di una reazione chimica che faccia precipitare e consolidare il pulviscolo galleggiante che insieme rende opaco lo sguardo sull’immediato futuro e contribuisce ad aumentare il senso di disagio e di incertezza.

Vale ovviamente soprattutto per la politica: dove infatti le incursioni grilline si inseriscono in una generale fase di transizione. Sotto l’usbergo del “governo tecnico” e il peso della crisi economica, tutti i partiti vecchi e nuovi sono in uno stato di ripiegamento e di faticoso tentativo di cambiamento. E’ come se (e non soltanto il PDL berlusconiano) avessero tutti schiacciato il tasto “reset” e affrontino al proprio interno una ridefinizione completa della propria identità, del proprio radicamento e di conseguenza del proprio progetto di Paese da offrire agli elettori. E in attesa delle elezioni politiche generali (che comunque arriveranno entro un anno, anche se le tentazioni all’anticipo autunnale sono crescenti, diffuse, e “bipartisan” pur se ancora sotterranee) il conflitto e la melina sulla legge elettorale e sulla conseguente tessitura delle possibili alleanze sono tutt’ora la non commendevole immagine che l’attività delle forze politiche continua ad offrire all’opinione pubblica.

Certo non aiutano le storiacce di denari rubati o malgestiti (dal ciclone Lusi sulla Margherita fino ai vizi e agli sprechi cialtroni dei rampolli bossiani) : e comunque nel sentire comune questa politica pur nella sua funzione alta e indispensabile sembra aver abdicato remissiva a vantaggio di altri poteri, nel malinconico riconoscimento di non avere la statura e lo spessore per affrontare in piena autonomia la tempesta finanziaria, il terremoto dell’Eurozona con il groviglio della Grecia (e non solo il suo), l’incognita drammatica sulla tenuta e la sorte finale della moneta unica.

La recessione morde fino alle tragiche pulsioni suicidarie nelle piccole imprese, la pressione fiscale tocca livelli record sulla ricchezza nazionale e si spalma indifferente su tutti i ceti tra IMU e benzina. E pure l’azione del governo con la mole di sacrifici imposti sta perdendo ogni appeal perché appare concentrata non tanto sul “salva-Italia”, quanto piuttosto sul “salva-Stato” e sulla continuità di una bulimica spesa pubblica che prosegue inesorabile. Certo si salvano in extremis dalle tasse cani e gatti, ma ben poco di più. E non depone a favore della sobrietà della spesa statale l’appena varata Controriforma del pubblico impiego (che pare annullare anche gli ultimi, piccoli effetti della crociata anti-fannulloni a suo tempo promossa dal vulcanico Brunetta).

Tra il rassegnato collettivo e il rancore impotente (con le tragiche e opache vicende di sangue come a Brindisi) sembra altresì aumentare il distacco del Paese reale verso le istituzioni rappresentative: in un clima opaco e appunto polveroso dove si aspetta una svolta, si attende un a ventata di novità, si spera in maniera sempre più flebile in una ripresa e in una crescita che appare consegnata alle mani misteriose di un Olimpo lontano e straniero. Certo conta una crisi di fiducia e il dubbio (ahimè fondato) di potercela fare. Come se pure la tendenza della parte più attiva a “rimboccarsi le maniche” si sfarinasse di fronte all’ineluttabilità della macchina pubblica, al dominìo quotidiano dell’immensa burocrazia irresponsabile che fa rotolare “nel tempo del mai” le rivoluzioni e i cambiamenti promessi e pure sanciti.

La “polvere sospesa” prima o poi si poserà, anche per le leggi incontestabili della fisica e si aprirà un panorama più chiaro, magari a tutt’oggi ancora imprevedibile nei suoi contorni e nelle sue prospettive. Eppure resta ancora vincente un elemento di vischiosità tutta italiana che accompagna e rallenta, per carico giuridicistico e normativo, ogni fase storica di transizione e di trapasso.

Sembra una nemesi storica della politica: ma, anche se pochi se ne sono accorti, per ripetute sentenze della Corte di Cassazione, la Democrazia Cristiana, quella vera, non è mai stata né morta né sciolta. E riprende discreta con incontri, statuti e congressi. Non ci sarebbe da meravigliarsi che magari il luciferino Beppe Grillo, memore del suo mentore Pippo Baudo, ci facesse alla fine un robusto pensierino…

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook