Jacopo Tondelli
Post Silvio
24 Maggio Mag 2012 0934 24 maggio 2012

“Non chiamiamolo eurobond, ma welfare europeo”. Dalle parti di Hollande l’Europa fa ancora rima con Storia

Un’Europa cosciente delle difficoltà, ma capace di rifondarsi un’idea di welfare tra gli stati. Un’Europa così matura, nelle sue leadership, da saper aiutare l’operaio a tedesco a capire che è un bene per tutti se riusciamo a evitare che la Grecia “salti”. La auspica oggi lo storico Rosanvallon, consigliere del presidente francese Hollande, in un’interessante intervista pubblicata oggi dal Corriere della Sera. 

Utopico? Realista? Certo, è un’Europa che si riconosce il proprio ruolo storico-sociale, e non si accontenta di una funzione contabile o ragionieristica. Un’Europa “dei popoli”, come si sarebbe detto una volta. E scusate se è poco. 

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook