Mekong Wave
28 Maggio Mag 2012 1420 28 maggio 2012

Gaia, i bambini e una speranza per il futuro...

L'immagine più bella di Gud ad Hanoi è sicuramente l'esplosione d'affetto e tenerezza dimostrata dai bambini dell'asilo Sunrise Kidz, dove il graphic novelist italiano ha incontrato i suoi fan più accaniti: bambini dai 4 ai 6 anni che lo hanno seguito con matite colorate e pennelli!

“Thay ooooiiii, Thay ooooiiii (Maestro, maestro...) urlavano sorridenti i bimbi al primo banco mentre Gud era intento a disegnare in ginocchio i personaggi di Gaia Blues. Bambini desiderosi di mostrare le proprie opere a Gud--al secolo Daniele Bonomo--e di darle vita insieme. Un confronto avvenuto attraverso la mediazione linguistica di Nhi, che è tornata tra i banchi di scuola per tradurre le domande incuriosite di Gud: divertito e colpito dalle risposte del pubblico. “Cosa troviamo sotto le acque del mare oltre ai pesci?” … “Gamberetti e tartarughe”, osservati da coccodrilli in relax su una barca...I bambini hanno risposto a colpi di colori a cera, tempera e acquerello, dimostrando una certa padronanza sia nel seguire le indicazioni dettate da Gud, che dando vita a proprie interpretazioni. Insomma, una mattinata entusiasmante e gioiosa che ha provato quanto sia forte e potente il messaggio grafico e disegnato. Il fumetto e Gaia Blues hanno superato l'esame vietnamita, regalando così un messaggio di speranza di cui portatori sono proprio loro: i bambini e i figli di 'Madre Terra'.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook