Vincenzo Barbagallo
Penso dunque clicco
29 Maggio Mag 2012 1206 29 maggio 2012

Quell'amianto a due passi dal centro storico

Non siamo a Casale Monferrato o a Cavagnolo, città tristemente note per le morti causate dall'amianto, ma in un paese di quasi ventimila abitanti nella provincia di Catania.

Non essendoci circuti pedonali o piste ciclabili, le persone si tengono in allenamento correndo per la circonvallazione che circonda, appunto, tutto il paese.

Il cimitero di Aci Sant'Antonio, paese in questione, è proprio sull'arteria che circonda la cittadina etnea. Cimitero che è a due passi dal centro. Proprio ieri sera, in uno dei giri salutistici, ho notato una vera e propria bomba pronta ad esplodere. Decine di pannelli di eternit rotti che liberano nell'aria le particelle mortali che causano il mesotelioma pleurico, principale causa di morte per chi è esposto alle polveri dell'amianto.

Il video

Nella stessa area i ragazzini si sono attrezzati con un poco ortodosso campetto di calcetto e sempre lì si dovrebbe svolgere il mercato settimanale. Insomma un'area abbastanza trafficata. Senza contare il fatto che i venditori di fiori sono esposti a queste polveri per tutto il giorno.

Nell'acese, dove si trova Aci Sant'Antonio, i morti di mesotelioma pleurico sono più del doppio rispetto la media della Sicilia secondo il Registro regionale mesoteliomi

Una causa di morte di fronte al cimitero non è il massimo.

Fate il vostro clic.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook