IL blog di Malih
4 Giugno Giu 2012 0934 04 giugno 2012

Libro vs ebook

Ho trovato dentro un mio libro un ritaglio di giornale. Il libro è un’edizione Adelphi del 2004 - Sillabari di Goffredo Parise. Il ritaglio di giornale, ingiallito e con le parti che sporgono dal libro quasi rossastre, riporta la data 1 ottobre 2006. L’avevo messo lì per via di un articolo su Goffredo Parise. Nella foto a corredo dell'articolo lo sguardo di Parise guarda l’obiettivo ma sembra mettere a fuoco il nulla - o il tutto - dove la vita sgorga inafferable ed effimera.
Ora in mano ho le parole scritte di Parise, quel che dicono i suoi occhi e anche il commento del bravo giornalista su Parise.


Ma non è di questo che ho preso penna e carta per scrivere. La molla che mi spinge a scrivere è il giallo del ritaglio di giornale. Che mi ha fatto pensare con tenerezza al me stesso che si prende la briga di ritagliare un foglio di giornale per porlo dentro un libro. È un gesto di per sé romantico, se poi il libro in questione è Sillabari diventa persino commovente. Soprattutto, scrivo perchè quel ritaglio ingiallito mi ha permesso di farmi un’idea sull’annosa questione libri vs ebook. Ecco una cosa infatti che con un ebook non potrete mai fare: metterci un ritaglio di giornale e ritrovarlo anni dopo ingiallito.
Nel riporre il libro, incrocio gli occhi di Parise, che continuano a guardare oltre i libri e molto più in là degli ebook.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook