Vincenzo Barbagallo
Penso dunque clicco
6 Giugno Giu 2012 1548 06 giugno 2012

Se la moglie di Bruno Vespa è nell'Autorità Garante per la Privacy

Il Senato ha eletto quali membri dell'Autorità sulla privacy Augusta Iannini (magistrato e moglie di Bruno Vespa) con 107 voti. Siamo alle solite, i controllati si nominano i controllori. Se il Partito Democratico sembra aver fatto delle "primarie" per nominare i suoi in quota di maggioranza il PDL non è stato da meno insieme agli altri partiti. Primarie o no, che poi si tratta di spartizione più o meno concordata di poltrone, rimane sempre il fatto che i controllati si facciano carico di scegliersi i controllori.

A cosa può servire quindi un'authority oltre che ad accontentare e sfamare bocche troppo asciutte o insoddisfatte? Serve a controllare, di facciata, i settori strategici del nostro Paese. Comunicazione, privacy e concorrenza.

"Curricula usati come carta da cesso". Tuona Antonio Di Pietro per sintetizzare le nomine alle autorita' per le comunicazioni e
per la privacy decise oggi dalle Camere.

La notizia tempo prima su Twitter.

Schifani bruciato sul tempo dalla rete, ed in particolar modo su twitter. Infatti cinguettavano già da tempo i nomi con i voti che le Camere hanno votato per la costituzione delle autorità garanti.

Gli eletti nominati
Con un generale accordo tra i partiti che sostengono il governo e dal quale si sono sfilati Idv, radicali e Sel: all'Agcom vanno Maurizio Decina, Antonio Martusciello, Antonio Preto e Francesco Posteraro. Alla privacy Antonello Soro, Giovanna Bianchi Clerici, Augusta Iannini e Licia Califano.

Sarebbe stato troppo fare un bando pubblico con tanto di curricula ed esperienze nel settore annesse.

In mezzo a questo scempio, fate il vostro clic.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook