Salvatore Grizzanti
Radical Cafe
8 Giugno Giu 2012 1636 08 giugno 2012

Te la do io la libera informazione

Sarà capitato anche a voi nella vostra esperienza di utenti Facebook di condividere un articolo, che magari ritenete estremamente importante, e non avere alcun tipo di reazione; di contro vi sarà capitato di condividere il più stupido dei meme e fare incetta di “mi piace”.

Parto da questa esperienza utente per confutare una tesi che va molto di moda secondo cui internet sarebbe il regno della libera informazione a differenza di quotidiani, radio e televisioni di regime. Con l’avvento di Facebook la navigazione online dell’utente medio è molto cambiata: non si parte più da Google alla scoperta del mondo web ma si parte direttamente dal social network blu per continuare a rimanere dentro quel recinto fino allo spegnimento del pc, di conseguenza anche le informazioni vengono solo prese da Facebook, che rimane per ora l’unico social network veramente nazional popolare in Italia utilizzato dai più giovani ai più anziani, da Nord a Sud, da esperti navigatori del web a chi non sa usare nemmeno la posta elettronica.

Oltre ai meme, ai Willy Wonka ed ai troll, quali sono le notizie che girano più velocemente su Facebook, quindi le informazioni più lette e più condivise, quindi più “apprezzate”? Molto spesso non sono neanche dei link che rimandano a blog o testate giornalistiche online ma semplici immagine con scritte a caratteri cubitali con le quali, in poche parole, si esprime un concetto del tipo…

19-05-12 Brindisi: mafia o strage di Stato?

oppure, sempre dopo la bomba a Brindisi…

Ora vi diranno che ci vogliono leggi speciali, ora sceglieranno per voi il vostro nemico

Ovviamente il tutto senza alcuna fonte, senza alcuna prova…

Ma vanno alla grande anche i video complottisti come quello che ci propone il terremoto in Emilia come l’effetto delle prospezioni geologiche condotte nel sottosuolo dove vengono fatte brillare delle cariche alla ricerca di idrocarburi in virtù di un accordo con multinazionali texane…

The last but not the least non può mancare il blog di Beppe Grillo, il quale galvanizzato dai sondaggi, come un Berlusconi qualsiasi, ormai la spara più grossa ogni giorno fino a lasciare intendere che sarebbe iniziata una nuova stagione stragista per fermare il cambiamento epocale portato dal partito di sua proprietà, o a fare sciacallaggio pure sul terremoto, che si sarebbe potuto prevedere…

Naturalmente nel quadro generale poi non possono mancare teorie come quella sulle scie chimiche, sulla bufala dell’AIDS, sul signoreggio bancario e magari pure sui rettiliani…

Internet e Facebook non sono nient’altro che uno strumento per cui non hanno di per sé un connotato positivo né negativo, dipende sempre da chi li usa e da come li usa per cui non esiste alcun “popolo di Facebook” o “popolo di Twitter”.

Il fatto che tanta pattumiera sia così condivisa e che articoli di maggiore spessore siano ignorati dovrebbe piuttosto farci riflettere sul motivo ed io credo che il motivo non sia nient’altro che Facebook si sia trasformato in un enorme bar dove, per l’appunto, le chiacchiere da bar vanno per la maggiore. Il problema è una grande lacuna di spirito critico degli utenti che prendono qualsiasi cosa per verità senza neanche lo scrupolo di verificare con altre fonti.

Certo se il trend si dovesse confermare anche in futuro significherebbe la caduta del mito secondo cui con il web la società del futuro sarebbe stata più e meglio informata; è possibile invece che la società del futuro sia meno e peggio informata e questo è un tema con il quale gli operatori dell’informazione si devono necessariamente confrontare.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook