Davide, Alessandro e Andrea
Failcaffè
9 Giugno Giu 2012 1536 09 giugno 2012

mangiare, nutrirsi, digiunare

nel ventunesimo secolo oramai sono state stravolte le abitudini alimentari di quasi ogni popolo. l’esperienza turca ancora una volta è stata utile per riflettere sul modo in cui la gente si nutre dove - neanche a dirlo - l’industria alimentare sta cercando di ottenere gli stessi risultati trovati negli Stati Uniti e nei paesi del mondo numero uno: aumentare il consumo di snack, bevande zuccherate e cibi precotti ad elevato contenuto di calorie, grassi e conservanti. tali prodotti sono facilmente adattabili alla variazione di domanda, possono occupare meno spazio e durano un tempo maggiore.
per i quartieri popolari non è difficile notare a tutte le ore del giorno come della notte banchi di frutta fresca e secca, riso con ceci, simit e spremute fresche. la tradizione culinaria di un paese raramente si scopre essere poco benefica ed è grazie a questo se ancora adesso le luminosissime vetrine dei più famosi franchising mondiali non hanno dato il colpo di grazia a una discreta fetta dell’occupazione locale turca. la maggiorparte di queste attività scompariranno proprio come sono quasi totalmente scomparse qui, non appena sarà creata una regolamentazione per gli ambulanti e saranno ristrette le regole igeniche; se da un lato queste norme servono a tutelare il consumatore, dall’altro sono una ragnatela dentro la quale un piccolo moscerino non può che rimanere intrappolato (vedi venditori di panini con la carne a Ostuni).

l’educazione al mangiare è un serio problema per tutti i paesi dove mangiare ha perso il suo significato originale ed ora corrisponde pressappoco a mettere il pieno ad una macchina. se il proverbio “ciò che non ti uccide ti fortifica” ha un profondo significato, allora credo che essere in grado di conoscere la fame e disciplinare il nostro corpo ci possa far maturare e riscoprire dei piccoli piaceri che anche in Italia le nuove generazioni stanno cominciando a dimenticare. trovo magnifico il significato del ramadan per i musulmani e - similmente - il tempo di quaresima per i cattolici.
astenersi durante l’intero muovere del sole dal cibo, dalle bevande e dai vizi disciplina lo spirito e il corpo, insegna le difficoltà dei più poveri anche a chi degli averi non è misero e unisce in una sola condizione ogni uomo e donna del paese.


 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook