Stupida Mary
10 Giugno Giu 2012 2006 10 giugno 2012

TAMARROFRENIA

E gnente dotto' che je devo dì?
Dice che devo venì da lei, ma io sto bene eh!
E' che ieri dice che ho fatto er matto al locale, ma te credo!
Gnente stavamo a sto Conte 'ndò sonavano, quello che alle 2 te portano le penne all'arrabbiata che ce l'ha quell'attore alto che fa i film co' Mastandrea presente?
E gnente stavamo là io Ezio e Gesù.
Che poi je dico sempre a Gesù ma nun c'hai freddo co' sto cazzo de vestito bianco? Che poi nun so' manco tempi, qua pensa' che sei frocio basta zero, in fin dei conti è sempre un cazzo de maschio colla gonna...cioè lo dico pe' te, alla fine della fiera non è che te devi comprà er frac, na polo normale, un paio de jeans...

Evvabbè, spetta famme grattà n'attimo che qua sotto la pelle c'ho sempre sto cazzo de coso che me pizzica...è n'infame perché i medici dicono che nun ce sta niente ma lo so io che me fa passa' quando gli alieni me mandano l'ordini dallo spazio o se 'mpicciano dei cazzi mia...intanto so tutti froci persi, non me so più fatto na doccia pe' cazzi miei, stanno in fissa cor pacco, che se mentre me lavo nu' je faccio un par de numeri mica me lasciano andà!
Dice un cristiano nun c'avrà er diritto de fasse na doccia normale? No! Deve fa gli elicotteri cor pisello fori la finestra, se no quelli nun so contenti e finisce che me vengono a pijà pe' fa gli esperimenti loro.
Se po' dì che me so salvato solo per la prestanza, mica fessi...
C'hai presente Funari? Eh, pure na teglia de regazzine d'oro se fa er pupo coll'insalata striscie, vojo dì, non è colpa che vomiti se poi er pigiama te l'hanno preso della taja del libro de moccia senza manco un grammo de cane!
E zitti che sto a parlà, sempre a rompe li cojoni co' ste voci, stateve zitti!
E' un continuo oh, e ammazza questo e ammazza quello...oh, ma ve credete che nun c'ho un cazzo da fa?
Che poi lo so che stanno sempre nella casa davanti, non ho ancora capito come fanno ma me sentono da là e me dicono na cosa e io li sento! Se rende conto?
Nu' je va mai bene gnente, sempre a criticà a criticà...e fai sta cosa così, e l'insalata lavala bene che poi ce rimane la terra dentro e te scricchiola sotto i denti, e cambia canale che a me Vespa me fa cacà, vojo dì, pure lei a na certa sbroccherebbe no?
Che poi pure ieri e dai e dai e dai, a na certa er primo che me fa rode er culo muoia sansone co' tutti i filistei!
Stavamo a fa sta fila pe' la pasta, che ar Conte è pure bona, piccante al punto giusto, stavamo là cor piattino e a na certa Gesù me fa: "Me so rotto er cazzo de fa la fila tra l'altro devo pure piscià", e io je faccio: "Damme retta resisti n'attimo, anche perché poi nun ce pensa' che te dò la pasta mia." Manco finimo de dì che uno a na certa a Gesù je passa avanti.
Ho preso na boccia de Montenegro dar bancone e je l'ho spaccata sulla faccia, che dovevo fa?
E j'ho detto "Porta rispetto che questo s'è fatto tre giorni sopra la croce pure pe' l'anima de li mortacci tua!"
Na questione d'educazione insomma.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook