La fanfara frenetica
11 Giugno Giu 2012 0809 11 giugno 2012

Lelio Luttazzi, Intelligenza, Gusto e Stile



Lelio Luttazzi ci manca.

Molto e non solo a quelli nati negli anni 60 come me.

Il suo "modo" di fare televisione è stato rivoluzionario
e il tentativo, dirompente per l'epoca, di cambiare i codici
e i linguaggi di comunicazione, perfettamente riuscito.



Se non fosse stato miseramente azzoppato dallo scandalo
nel quale fu trascinato suo malgrado e senza colpa,
Luttazzi avrebbe potuto dare moltissimo al mondo
delle Arti poiché in realtà, dietro all'immagine del grande entertainer
si nascondeva ( neanche troppo) , un compositore finissimo,
memore dello stile di Errol Garner e Duke Ellington
e un uomo di grandissima sensibilità.

Certamente Luttazzi si muoveva in un campo fertilissimo
di talenti visto che aveva a disposizione "fuoriclasse " spettacolari
come Mina,Quartetto Cetra, e "vedettes" internazionali come
Lionel Hampton o Louis Armstrong,
in tour perenne nei pressi dei nostri lidi.



In più, all'epoca, esistevano i contenitori per le miscele esplosive
di godimento e felicità che sapeva confezionare,
i grandi Tv Show della Rai in bianco e Nero.

Tuttavia, non sfugge a nessuno che la sua musica
è stata anche ispirazione e spunto formidabile
per musicisti giunti al successo qualche anno dopo,
come ad esempio Paolo Conte e Arbore, che della lezione di Luttazzi
hanno saputo cogliere temi e sonorità.



Tratteremo ancora Lelio Luttazzi e capiremo quanto è stato importante,
visto che con la sua verve e il suo gusto musicale
ha "alleggerito " la musica leggera italiana, senza fargli perdere sostanza,
sganciandoladal suo apparato pomposo e retorico
e spurgandola dai mammismi e le ridondanze melodrammatiche
che all'epoca la permeavano.

Luttazzi è tutto da scoprire...

stay tuned.....

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook