Daniele Buzzurro
Mad Web
12 Giugno Giu 2012 1719 12 giugno 2012

Founder Institute in Italia

Startup, Innovazione, Cambiamento: non si fa che parlare d'altro in certi ambienti dove il pane quotidiano è il mondo di Internet nella sua visione più larga del termine.

Per fortuna non a tutte le persone piace solo parlare: per gli interessati che hanno la fortuna di risiedere a Roma o nelle sue vicinanze è in arrivo il Founder Institute che ha identificato a quanto sembra nella Capitale italiana la sua sede numero 27 nel mondo.

Ma, in concreto, di cosa stiamo parlando?

Il notissimo programma di accelerazione di startup digitali, che nel corso di tre anni ha dato una spinta concreta alla nascita di più di 500 imprese in 26 città sparse intorno al mondo anche tramite la raccolta di finanziamenti da parte di investitori del valore di circa 30 milioni di dollari, si svolge nel corso di quattro mesi nei quali chi vuole diventare imprenditore si troverà a dover mettere in pratica molte e difficili attività, partecipando ad un numero considerevole di incontri di tipo settimanale nei quali si metterà a confronto con i propri mentor, essendo poi giudicato per la qualità del lavoro prodotto. Il rischio concreto è quello di non farcela a superare la prova e a diplomare quindi la propria startup. Per chi sarà in grado di farcela, invece, si apriranno le porte al contatto con moltissimi mentor internazionali, anche attraverso meeting di networking, beneficiando inoltre del Graduate Liquidity Pool in arrivo dal buon risultato di ogni startup.

L'inventore del programma Adeo Ressi, di chiare origini italiane, riassume il successo dell'iniziativa in questa semplice somma:

Great People + Expert Training + Aligned Incentives = Exponentially Better Chance of Success.

Dice infatti il direttore di questo primo chapter romano, l'imprenditore Nicola Mattina:

Fare impresa non è per tutti. E’ un percorso difficile, che nel nostro Paese è appesantito da una cultura che non premia il merito, dalla burocrazia e dalla mancanza di un robusto circuito nazionale di venture capital in grado di sostenere e accelerare la crescita di nuove aziende

Personalmente sono in accordo in particolare con l'ultima cosa detta da Nicola, in particolare nel delicato periodo storico in cui ci troviamo. Potete comunque sapere di più su tutta questa iniziativa direttamente dalle sue parole.

Insomma: se non siete interessati solo alle solite due chiacchiere davanti ad un buon aperitivo, se volete globalizzare la Silicon Valley non solo a parole ma nel rispetto delle specificità di ognuno, l'appuntamento per tutti è il 3 luglio alle ore 18:00 presso l’Innovation Campus di Microsoft in via Avignone 10.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook