Mompracem – Il mondo è tutto ciò che accade
12 Giugno Giu 2012 0946 12 giugno 2012

L’affossatore di monete spiega al Fondo Monetario la tempistica per il salvataggio dell’euro

L'affossatore della sterlina e della lira ha spiegato al Fondo Monetario la tempistica del salvataggio dell'Euro. In questo periodo di grande confusione sotto al Sole, era la ciliegina di cui sentivamo la mancanza. La francese Christine Lagarde, eletta sulla poltrona di direttore generale dell'istituzione di Pennsylvania Avenue fra i mugugni dei Paesi emergenti che vedevano di cattivo un occhio un altro europeo su quello scranno proprio nel momento in cui l'Europa necessita di aiuti ingenti, ha confermato le parole di George Soros, il finanziere ungherese con l'hobby di leggere Popper e far saltare monete.

L'avvocato francese, ex ministro delle finanze di Sarkozy, in un'intervista alla Cnn, ha infatti detto che «un'azione per salvare l'euro è necessaria in meno di tre mesi». A Christiane Amanpour, che le chiedeva della frase di Soros, Lagarde ha risposto infatti che: «George è molto bravo a stabilire deadline e attrarre l'attenzione, che è buono, perché bisogna prestare molta attenzione alla situazione attuale. Molte cose devono accadere a breve. Direi più brevemente che in tre mesi». Ottimo, ora sì che siamo in mani sicure, grazie Lagarde. D'altra parte Soros il know-how nell'affossamento delle monete ce l'ha eccome. 

.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook