Massimiliano Gallo
Mi consento
12 Giugno Giu 2012 1543 12 giugno 2012

Nel Pd la candidatura alle primarie è un’arma di minaccia

Bisogna ammettere che il Pd è un partito fantastico. Negli ultimi giorni siamo stati persino accusati di trare la volata al partito di centrosinistra e al suo segretario. In verità, ci siamo limitati a constatare che il Pd è saldamente in testa alle previsioni di voto da ormai un paio d’anni e abbiamo invitato Bersani a non farsi impiccare nel gioco dell’eterna mediazione.

Ed ecco che, puntuale, si presenta la prima occasione. A fornirla è l’eterna questione sull’eventuale riconoscimento alle coppie omosessuali. In Italia il tema è tabù. Non a caso l’ex popolare Fioroni balza dalla sedie all’idea che Bersani possa inserire nel suo programma il sì ai matrimoni gay. E fin qui, ci sta. Idee diverse. Se ne può discutere. Fioroni sostiene che il tema non sia di stretta attualità, che in un momento così difficile il Paese ha bisogno di unità non di contrapposizioni.

Volendo sorvolare - a fatica - sul merito, è il metodo che fa sorridere. Perché Fioroni, messo alle strette, lancia quella che evidentemente nel Pd è considerata l’arma fine di mondo: nientemeno che la candidatura alle primarie. Come se fosse una minaccia. «Se Bersani non dovesse cambiare idea, sarei costretto a muovermi», dice l’ex popolare.

Insomma nel Pd le primarie non sono considerate un momento di scontro e confronto schietto tra persone e programmi diversi. Un comportamento sano: si affida la parola ai propri elettori e saranno loro, con il proprio voto, a stabilire la direzione di marcia del partito. No, per alcuni dirigenti del Pd, sicuramente per Fioroni, l’opzione candidatura è brandita come una minaccia. Uno sparigliare le carte, un “adesso ti faccio vedere io”. E io invece la vedo così bene una lista di Fioroni alle primarie: “contro i gay, per la coesione nazionale”.        

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook