Tempesta di cervelli
13 Giugno Giu 2012 0741 13 giugno 2012

L'alternativa? L'uomo qualunque alla Saviano, ma con quale programma?

Gli italiani di centrosinistra oggi come leader preferirebbero un uomo qualunque, un'alternativa della società civile, almeno secondo i sondaggi che ieri sera sono stati presentati durante la trsmissione televisiva Ballarò.

Ok, bene, perfetto, ma avrei alcune perplessità. Poniamo il caso che questo ipotetico uomo qualunque proveniente dalla società civile fosse Roberto Saviano come ha in qualche modo proposto il quotidiano Repubblica: su quali basi il popolo del centrosinistra gli consegnerebbe la leadership?

Il mio ragionamento nasce anche in seguito alle dichiarazioni di Fioroni, il deputato PD, sui temi etici. Il democratico ha dichiarato che questioni come le unioni civili, omosessuali o eterosessuali, e la questione del fine vita non devono essere in agenda politica perché ci sarebbero altre priorità. Con la scusante dell'emergenza si vorrebbero mettere da parte delle tematiche che non sono marginali. Una coppia di ragazzi che oggi non si vuole sposare non ha alcun diritto civile, come non ha alcun diritto un malato terminale che per tempo ha indicato la sua decisione per la fine della propria esistenza. Su questioni del genere si può essere in disaccordo, ma sono comunque diritti che devono essere tutelati.

Allo stesso modo mi domando cosa pensi l'ipotetico candidato della società civile (Saviano al caso nostro, ma potrebbe essere Grillo o anche Landini) delle questioni etiche, ma anche della tutela dell'articolo 18 dello statuto dei lavoratori, della riforma del fisco e della lotta all'evasione fiscale, delle missioni all'estero, delle grandi opere (e non mi accontento di una semplice risposta che tenga in considerazione solamente le infiltrazioni mafiose, ma vorrei una dichiarazione in merito all'utilità), ecc.. Ho sollevato solo alcuni temi che dovranno tenere uniti una coalizione di centrosinistra e di cui sembrerebbe non tenere conto il popolo del centrosinistra visto che tutti pongono il problema del "chi sarà" e nessuno del "cosa dirà".

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook