Beautips
20 Giugno Giu 2012 2255 20 giugno 2012

Se proprio non ti frega del tumore, almeno smetti di fumare per essere più bella.

MILANO. Il fumo è nemico della bellezza. Se i danni estetici non sono i problemi più importanti che la dipendenza dalle sigarette implica, possono però essere un buon deterrente a questa cattiva abitudine. Spesso, poiché l’idea di ammalarsi di tumore viene percepita come una possibilità lontana, può essere utile attirare l’attenzione anche là dove ormai tutti sembrano essere più sensibili: l’aspetto estetico. Smettere di fumare per vanità, dunque? Non solo, ma certamente è un motivo in più per smettere.

Il fumo è nemico anche della pelle.

LA PELLE SOFFRE - Tra gli effetti nocivi della sigaretta, vale ricordare quelli che interessano la pelle. Il fumo agisce su tutti i piccoli vasi dello strato cutaneo: la pelle si impoverisce e diventa più sensibile all’usura del tempo con la presenza di rughe e segni di espressione. L’effetto negativo del fumo sulla pelle è maggiore nelle persone che hanno cute chiara e derma spesso perché pelli più sensibili agli agenti esterni e con una tendenza maggiore alla formazione di rughe. La pelle più scura, invece, è meno sensibile a questo tipo di problema. Inoltre, il fumo ostruisce i pori della cute, facilitando la comparsa di punti neri e brufoli, mentre la nicotina fa aumentare la produzione di radicali liberi, sostanze responsabili dell’invecchiamento anche cutaneo. Ma il fumo è causa di un'altra tipologia di ruga, di tipo mimico, legata alla gestualità del fumo.

LE RUGHE DEL FUMO - A ogni boccata si mettono in moto alcuni muscoli della faccia il cui movimento continuo e costante è alla base della formazione di alcune particolari rughe. Quando si aspira il fumo della sigaretta, con il tempo la contrazione delle labbra causa la formazione di piccole rughe disposte a raggiera sul labbro superiore. Sono le cosiddette “rughe del rossetto”, chiamate così perché la loro presenza rende il contorno delle labbra meno netto e il rossetto tende a incanalarsi nelle rughette, creando un antiestetico effetto.

E tu quale viso preferiresti?

LA SOLUZIONE - Eppure, basterebbe poco per riacquistare la bellezza della pelle: due mesi senza sigaretta, il tempo necessario perché l’epidermide si liberi dalle sostanze accumulate. Esistono vari del fumo: dai cerotti e chewing gum sostitutivi, ai farmaci per bocca, all’ipnosi e alle sedute di gruppo. La cosa migliore è chiedere consiglio al proprio medico, e magari rivolgersi ai centri specializzati. Quest’ultimo consiglio è valido soprattutto per chi soffre di forte dipendenza dalla sigaretta.

da http://www.beautips.it/pelle-e-fumo/

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook