Signorina Frida
21 Giugno Giu 2012 1237 21 giugno 2012

Let's use video to reinvent education: yes we Khan!

Salman Amin “Sal” Khan è un educatore americano originario del Bangladesh, fondatore della Khan Academy, una piattaforma di educazione gratuita on line ed un’organizzazione non profit. Dal piccolo ufficio di casa sua, Khan ha prodotto 3.000 video, spiegando un’ampia gamma di materie accademiche, focalizzando l’attenzione su matematica, biologia, chimica e scienze.
Il canale di Khan Academy ha attratto più di 330.000 abbonati e nel 2011 il Time, magazine americano, lo ha citato tra i 100 uomini più influenti del mondo. L’avventura iniziò aiutando la cugina Nadia poi, nel 2004, decise di distribuire i tutorial, più di 2.000 dopo sei anni, su YouTube e i suoi video captarono l’attenzione di studenti di tutto il mondo, ammaliati dal suo metodo pratico, rilassato e conciso. Khan ha sottolineato che la sua mission è di accelerare l’apprendimento di studenti di tutte le età, ovunque nel mondo, e nei suoi piani c’è l’obiettivo di estendere la sua “free school” per altre discipline quali la storia e l’inglese, visto che i suoi video vengono usati anche in zone remote di Africa e Asia. L’aspirazione di Khan è di dare ad ogni bimbo la chance di un’educazione completa e gratuita con una metodologia pionieristica: ha iniziato postando una lezione di matematica, ma l’impatto sull’educazione potrebbe essere incalcolabile.
Il sito ha più di 3.000 lezioni brevi che consentono ai bambini di imparare in base ai propri tempi di apprendimento: esercizi pratici rimandano gli studenti al video pertinente, quando sono in difficoltà e c’è un pannello dettagliato per gli insegnanti che ricorrono alla Khan Academy nelle loro aule.
I programmi-pilota hanno immediatamente evidenziato di essere promettenti, formidabili e un docente, che ha usato il Khan Academy con i suoi allievi, ha dichiarato di essere rimasto stupefatto nel constatare come Sal sia abilissimo nel rendere comprensibili argomenti complessi.
Grazie alla tecnologia e al pensiero rivoluzionario di questi educatori, si riuscirà, forse un giorno non tanto lontano, a garantire all'umanità tutta un'istruzione, fondamento di diritti-doveri e strumento indispensabile per cittadini consapevoli e attivi, pronti ad operare per il proprio benessere e per quello del proprio Paese.

"La cultura [...] è organizzazione, disciplina del proprio io interiore; è presa di possesso della propria personalità, e conquista di coscienza superiore, per la quale si riesce a comprendere il proprio valore storico, la propria funzione nella vita, i propri diritti, i propri doveri." Gramsci

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook