Alessandro Oliva
Viva la Fifa
23 Giugno Giu 2012 1530 23 giugno 2012

E in Inghilterra trasformano Balotelli in una tombola

Una cartella stile bingo dedicata a Mario Balotelli: domenica i supporters di sua Maestà potranno anche giocare con i soprannomi e le espressioni che i commentatori della Bbc dedicheranno al talento azzurro. E' questa l'idea del Daily Telegraph, che ha realizzato una speciale cartella con una serie di parole, incasellate come i numeri del bingo, che ormai vengono associate all'attaccante del Manchester City.

Compaiono l'ormai celebre "Why always me?", frase apparsa sul sottomaglia di Mario nel derby contro lo United, e "infuriating" ovviamente riferito al suo carattere fumantino. E ancora, da "fuochi d'artificio" a "Jekill" e "Hide", ovvero l'imprevedibile doppiezza del carattere di Balotelli, che si merita però anche un "nessun dubbio sul suo talento". Il primo che coglierà nei commenti dei telecronisti ciascuna di queste espressioni avrà vinto. Proprio come la più classica delle tombole.

Insomma, in Inghilterra ce la stanno mettendo tutta per destabilizzare l'attaccante azzurro, anche in maniera meno scherzosa. I tabloid inglesi, noti per il loro tatto quando si tratta di sbattere in prima pagina storie e storielle di calciatori con procaci signorine, hanno avviato una campagna contro SuperMario. In particolare il Daily Mail, che ha raccolto l'accorato sfogo di Sophie Read, stellina del Big Brother inglese, che ha dichiarato di aver ripreso a drogarsi dopo aver sorpreso Balotelli, con il quale aveva avuto un filrt, a letto con la sua migliore amica.

Il giocatore però non sembra preoccuparsi più di tanto. Le immagini degli ultimi allenamenti con l'Italia lo hanno immortalato mentre ride, scherza e usa la bandierina del calcio d'angolo come fosse un prolungamento del suo pene. Insomma, se ne frega. Sta proprio qui la sua forza. Anzi, se oggi si trovasse a passare per un pub britanncio, si fermerebbe a giocare con la tombola a lui dedicata.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook