Vincenzo Barbagallo
Penso dunque clicco
27 Giugno Giu 2012 1029 27 giugno 2012

Scosse a Siracusa e provincia. Terremoto avvertito anche a Catania

Oggi 27 Giugno 2012 si parla di sisma nel Sud Italia, evento che segue le anticipazioni fatte qualche giorno fa dal Dr Annibale Mottana che durante il discorso inaugurale all’Adunanza Generale dell’Accademia dei Lincei ha parlato della possibilità di fenomeni nella zona della Calabria e appunto della Sicilia, il famoso Big One.

Infatti proprio stanotte e anche stamattina, ultima scossa alle 12,35, la Sicilia Orientale si è svegliata con varie scosse di terremoto verificatesi a Siracusa e Provincia.

Fortunatamente le scosse di stanotte non sono state particolarmente forti, al contrario di quelle previste che potrebbero essere devastanti. Ma la terra ha tremato molte volte, considerato che in tutto sono state almeno 15 le scosse registrate. In realtà però una sola scossa sembra quella avvertita dalla popolazione distintamente.

Si tratta della scossa verificatasi alle ore 03:14 con magnitudo di 3.7 con un ipocentro vicino alla superficie a soli 3 Km ed epicentro nella zona di Siracusa, ma anche a Catania è stata avvertita dai chi soffre d'insonnia.

La scossa è stata avvertita distintamente da gran parte della popolazione nonostante l’ora tarda, non si registrano danni a cose o persone. Inevitabile però che considerato il momento particolarmente emotivo in relazione ai terremoti in Italia, questa scossa durata diversi secondi, anche se non di fortissima intensità, ha creato il panico tra la popolazione.

Ricordiamo che gli esperti ribadiscono che non è possibile prevedere i terremoti, diverso è il discorso relativo allo scenario riguardante l’evolversi di un sisma che si è già iniziato a verificare, come avvenuto ad esempio in Emilia. Resta però il dato di fatto che sono diversi gli esperti che si dicono convinti che a breve nella zona calabro-siciliana potrebbe manifestarsi un evento di forte intensità. L’auspicio ovviamente è che si tratti di previsioni sbagliate e che quello di stanotte resti un caso isolato.

Segui su Twitter INGV per gli aggiornamenti.

Fate il vostro clic.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook