Mompracem – Il mondo è tutto ciò che accade
28 Giugno Giu 2012 1502 28 giugno 2012

Stringere la mano all’assassino: ecco perché abbiamo bisogno della politica

Per chi ritiene che la politica sia l'arte del possibile la foto di oggi che ritrae Martin Mc Guinness stringere la mano alla Regina di Inghilterra non riguarda solo la terra dei troubles. Mc Guinness è ora vice primo ministro dell'Irlanda del Nord. Ma prima era uno dei capi dell'ala militare dell'Ira, assieme a Gerry Adams. Chiesi a Thomas Hennigan del Times come facesse Adams, diventato leader politico del movimento, a coordinarsi con l'ala militare, quella che sparava e uccideva: «Semplice - rispose- si dà gli ordini da solo». Mc Guinness fu fra quelli che organizzarono l'assassinio di Lord Mountbatten, ultimo vicerè d'India, cugino di Elisabetta, zio del marito Filippo, a cui era molto legato, e tutor del principe Carlo. Ora invece Mc Guinness è quello a sinistra in questa foto: 

Per chi è di famiglia emiliana, dove nel triangolo rosso della guerra civile descritto da Claudio Pavone, abbiamo perso o nonni o parenti, è un'immagine che rincuora. Certo la politica come arte del possibile è la stessa per cui un uomo piccolo e nero può inneggiare a una razza di alti e biondi senza che nessuno gli faccia notare la contraddizione. Ma è anche quella per cui dopo essersi ammazzati a vicenda, e anche gli inglesi di colpe ne ebbero eccome, si è capaci di stringersi la mano e non trasformare l'Irlanda nel Kosovo. Per chi avesse dubbi sulla politica e la sua funzione, ecco a cosa serve.  

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook