Vito Kappa
Kahlunnia
29 Giugno Giu 2012 0858 29 giugno 2012

Le strisce blu sulla schiena di Super Mario Balotelli

Un interrogativo attanaglia l'Italia: cos'erano quelle tre strisce blu sulla schiena di Super Mario Balotelli? Un simbolo? Un tatuaggio? Uno sponsor pubblicitario? In realtà niente di tutto questo.

Cos'è. Sulla schiena del calciatore italianio c'erano tre strisce di "elastotaping" (ne fanno uso anche Federica Pellegrini e Flavia Pennetta). L'elastotaping è una fascia elastica preposta a curare disturbi muscolari.

Come funziona. Questa fascia, disponibile in diverse colorazioni, non rilascia farmaci sull'epidermide ma sfrutta un principio biomeccanico in grado di indurre l'auto guarigione dei tessuti. L'efficacia di questo mezzo è dunque esclusivamente di carattere meccanico. Tra gli altri vantaggi indotti da questo prodotto si segnalano: una migliore circolazione del sangue nella zona di applicazione; o, in caso di applicazione in un certo modo, una riduzione dell'afflusso sanguineo così da ridurre un'infiammazione o un'emorrargia.

L'invenzione. A dar vita a questo metodo è stato il giapponse Kenzo Kase. Le strisce, create negli anni '70, sono entrate a pieno titolo nel calcio italiano nei mondiali 2010.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook