Regard vers l’avenir
3 Luglio Lug 2012 1011 03 luglio 2012

Siria: 100 morti al giorno ed il mondo tace

16.500 morti dall'inizio della rivolta contro la dittatura di Bashar al - Assad. Questo è il bilancio delle vittime stilato dalle organizzazioni non governative presenti in Siria. 4.151 governativi, 870 disertori e soprattutto 11.486 civili indifesi. Ormai è chiaro che il cessate il fuoco e la proposta di trasizione politica del mediatore delle Nazioni Unite, Kofi Annan sia fallita principalmente per un motivo: la proposta non prevede le dimissioni di Assad e questo è inaccettabile per gli oppositori. In questi 17 mesi di guerra civile, troppo poco si è fatto per sensibilizzare l'opinione pubblica e per far cessare gli stupri, le torture e gli omicidi di massa perpetrati dai mercenari pagati dal feroce dittatore siriano. Non servono a nulla, purtroppo, le risoluzioni Onu, restano pezzi di carta. Bisogna intervenire subito per mettere la parola fine su questa tragedia. L'ultima uscita di Assad, a proposito dell'incidente con l'aereo turco, ci ricorda chi è questo signore: "E' chiaro che sarei stato contento se questo fosse successo con un aereo israeliano". Deve essere una priorità per la comunità internazionale fermare il terrore, Stand Up Speak Up

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook