In viaggio con Tancredi
12 Luglio Lug 2012 1000 12 luglio 2012

Campane siciliane

"Le senti? Le campane...", gli ho detto, interrompendo la mia ninna nanna. Tancredi ha spalancato gli occhi, mi ha guardato, non ha detto nulla.

A Roma, dove abitiamo, è difficile sentire i rintocchi della sera dalla camera da letto. Qui, invece, in un piccolissimo paese della Sicilia, a pochi passi da Catania, le campane della chiesa di quartiere segnano ancora le ore.

All'ultimo rintocco Tancredi dormiva già.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook