Keynes Blog
20 Luglio Lug 2012 0800 20 luglio 2012

Venti anni di decrescita chiamata "fiscal compact"

Ieri la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva il cosiddetto “fiscal compact” e il Meccanismo Europeo di Stabilità (MES), l'architrave dell'austerità. Il paese è obbligato quindi, nei prossimi vent'anni, a portare il suo debito pubblico dal 126% (previsioni FMI per il 2012) al 60% del PIL.

Si tratta di circa 45 miliardi di risparmi l'anno, miliardo più, miliardo meno, a seconda dell'andamento del ciclo economico. E, si noti, poiché il PIL durante una recessione scende, il rapporto debito/PIL sale. Pertanto il nuovo accordo si configura come una manovra suicida che aggraverà gli effetti di una fase discendente del ciclo.

Per avere una dimensione di paragone, la spending review di cui tanto si parla incide per appena 29 miliardi in tre anni, meno di 10 miliardi l'anno. O, in altri termini, si può dire che per rispettare il fiscal compact lo Stato toglierà agli italiani circa il 3% della ricchezza generata ogni anno.

Con quali effetti? L'esperienza degli ultimi venti anni è significativa. Come abbiamo fatto vedere ieri, nonostante l'avanzo primario sia stato costantemente positivo fino al 2009, il debito si è ridotto di 20 punti in quattordici anni, dal picco del 1995 fino 2008.

Questo continuo sottrarre risorse all'economia, unito agli effetti negativi dell'ingresso nell'euro (sia pur bilanciato da minori spese per il debito), non è stato indolore: la crescita negli anni 2000, quelli in cui peraltro l'avanzo primario è stato minore (mediamente il 2% all'anno) ha portato ad una stagnazione, con tassi di crescita reali decisamente bassi, mediamente l'1% fino alla crisi.

E' facile immaginare quindi che un consolidamento fiscale che cercasse di raggiungere in venti anni un abbattimento del 66% di debito pubblico sul Pil sarebbe ancor più depressivo. E meno dell'1% cosa c'è? Ovviamente zero. O ancor meno, con il risultato che però, negli anni in cui la crescita dovesse essere negativa, il rapporto aumenterebbe e, come Sisifo, torneremmo a riscalare la montagna. Come del resto stiamo facendo proprio ora. Il tutto nell'ipotesi che i tassi di interesse scendano ai livelli degli anni 2000, cosa che probabilmente non avverrà mai, vista la crisi dei debiti sovrani.

Ma la diminuzione del debito pubblico sulla base di una crescente sottrazione di risorse può avere un effetto ancor più traumatico. Quando il debito pubblico scende perché diminuisce la spesa pubblica, infatti, è molto probabile che quello privato salga. Il motivo è che l'austerità costringe imprese e famiglie ad indebitarsi, spesso anche solo per mantenersi.

E cosa succede quando il debito privato cresce? La Spagna e l'Irlanda ci dicono molto sugli effetti perversi di questa politica e di come in un paio d'anni si può far schizzare nuovamente su il debito pubblico anche di 70 punti. Ieri il parlamento ha messo un'ipoteca sul futuro del paese, che il paese potrebbe pagare molto cara.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook