Massimo Famularo
Apologia di Socrate
10 Agosto Ago 2012 1757 10 agosto 2012

I conflitti del signor GS

Da Tweetter tramite @limprenditore leggo @DeBortoliF:  Goldman non crede più nei Btp, forse il governo potrebbe revocare alla banca americana l'incarico di advisor nella vendita di Fintecna. Ripreso anche dal Foglio http://www.ilfoglio.it/contrarian/173 Esemplare sfoggio di superficialità e di conflitto di interessi radicato nel DNA. Come se "il signor GS" fosse uno dei tanti consulenti Amici di amici che se vogliono mantenere il lavoro deve ottemperare alla sua meta' del parto mafioso. Logica elementare: se Goldman Sachs prendesse la decisione di comprare o meno BTP sulla base di logiche di marketing: per vendere l'advisory sulle partecipaIoni  1-tradirebbe gli interessi dei titolari dei fondi che investe  2-scambierebbe 2 lenticchie di fee di consulenza con potenziali perdite in conto capitale di entità ordini di grandezza superiore. Ora, possiamo anche pensare che GS sia l'impero del male, che le chineese walls tra un ufficio e l'altro vengano criminosamente aggirate, che i grigi savi di sion che governano il mondo e controllano il governo siedano nel suo board, ma proporre la ripicca infantile suggerita  da De Bortoli vuol dire raccontare che il clientelismo sfacciato del bel paese vige su scala mondiale e con buona pace del direttore del corriere, ancora, così non è. GS e gli altri soggetti, che gestiscono fondi altrui su scala globale, se non portano a casa il rendimento desiderato vengono scaricati dai loro clienti con un click e non c'è amico di amici che possa impedirlo. Esistono poi regole stringenti che impediscono ai gestori di detenere titoli con Rating inferiore ad una certa soglia e, fuori dal paese di pulcinella, le regole contano ancora qualche cosa. Anche l'advisory sul valore delle partecipazioni vale qualcosa se è fornito da un soggetto dotato di credibilità, bene ignoto nell'ex-Belpaese, che verrebbe istantanemente meno se ci fosse identità di ruolo tra chi negozia i titoli di debito del paese e chi ne valuta gli Asset. Insomma esiste una cosa chiamata conflitto d'interessi totalmente aliena alla forma mentis di taluni intellettuali nostrani. https://twitter.com/#!/MassimoFamularo

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook