The Jerk
Bollito duro
10 Agosto Ago 2012 2158 10 agosto 2012

L'homepage di "Corriere.it" fa sfogare l'onanismo compulsivo del mio amico "Manotto"

Ieri mattina, come ogni anno in vacanza, chiamo il mio amico Gianstefano per il suo compleanno. Con lui anni addietro condivisi un divertente periodo di "servizio civile". Gianstefano é un personaggio. É un ingegnere meccanico che ha ereditato l'aziendina paterna - meccanica di alta precisione - e l'ha resa internazionale. Piccola, ma internazionale. Gianstefano ha peró un problemino: soffre di una sindrome da "onanismo compulsivo". Ha cioé il bisogno di farsi seghe, tante seghe, più volte al giorno.

Ho scoperto questo suo faticoso tic - gli uomini possono immaginare cosa voglia dire spararsi cinque/sei pippe al giorno - all'epoca in cui facevamo servizio civile; l'ho colto, furtivo con uccello in mano, mentre dal magazzino dove operavamo si compulsava il prepuzio guardando con occhi a fessua un'impiegata, tra l'altro per nulla eccitante. In quell'occasione mi ha confessato la sua turba. Io, non biasimandolo più di tanto, mi sono limitato a consigliargli sempre colazioni a base di due uova sbattute con zucchero e caffé e del del Vov come digestivo. E lì, in quell'istante, Gianstefano è diventato "Manotto".

Va bé, direte voi, ma le turbe di una persona dalla sessualità distorta ed esuberante perché devono essere oggetto di un post di un blog, seppur stupido, come questo? Perché ieri Manotto, che é un grande esperto di porno, pornosoft, letteratura erotica, riviste di gossip e di tutto quello che puó servire per innescare il suo missile, mi ha detto che "ormai é un uomo maturo": per sfogarsi gli basta cliccare sulla homepage del Corriere della Sera online.

Non capivo. Ed ero anche preoccupato di questa ulteriore degenerazione del suo male oscuro. Infatti, va bene tutto, ma eccitarsi con Monti, con gli editoriali di Sartori o con le arguzie (burp) di Severgnini, mi pareva davvero segno di una compulsività drammaticamente deviata. Ho sorriso e gli ho detto che lo avrei richiamato l'indomani, pensando tra me e me di contattare immediatamente la immensa dottoressa Graziottin.

Ieri sera peró sono andato su Corriere.it, giornale che ho iniziato a leggere quando lo dirigeva Ugo Stille: per me resta sempre un faro nella formazione dell'inopinanata Opinione Pubblica di questo Paese. E ho capito cosa intendeva il mio amico Manotto. Infatti, nella homepage del sito del Corrierone - giovedì 9 agosto 2012, alle ore 23.06 - c'erano tante e tali notizie pornosoft che con un giornale "autorevole" c'entrano come l'intelligenza c'entra con me: ho compreso perché Gianstefano ormai si innesca il phatos masturbatorio con la "Bibbia della Stampa Illuminata".

Tanto per intenderci, l'intensità di notizie senza senso, inutili, che rimandano a un immaginario di culi, tette e pruriti erano le seguenti:
In prima colonna emergeva un articolo sulla Minetti - che pare aver trovato l'amore con Corona (un rutto qui è l'unica esclamazione saggia) - che ci informa che l'igienista dentale dalle labbra a canotto sta decidendo se continuare a fare o meno politica (sic!).

Poi, in seconda colonna, la sequela di queste notizione:
-una tennista gambe aperte e all'aria che si cambia le mutande in pubblico;
- la Pellegrini e Magnini che si baciano guardando il "Settebello" (che a me é parsa una pubblicità subliminale per la Hatù, perbacco!);
- questa Lolo Jones che perde ma é bella, e a lei spiace: pensa se fosse stata anche un cesso, che disgrazia;
- una hostess vietnamita che sfila in bikini sull'aereo, con tanto di video: qui secondo la mia modesta e opinabile opinione c'é qualche turba anche in chi tale notizia la pubblica, non solo in chi si fa una manovella guardandola;
- poi un articolo che dice che gli uomini stressati sognano la copula con le donne cicciottelle (anche se io penso che gli uomini, stressati o no, preferiscano sempre le belle fighe con le misure a posto);
- poi, in fondo alla seconda colonna, ancora l'ossessione di certa stampa, ossia Nicole Minetti, che in spiaggia legge 'sto libro delle sfumature di grigio: ma non é che una come la Minetti l'autorevolissimo Corriere farebbe bene a dimenticarsela in eterno?

Infine si passa alla terza colonnina, quella di Costume, dove un paio di articoli futili ci possono anche stare. Un paio. Invece:
- Belen e Stefano (e chi li conosce per nome?) denunciati per rapina, ma con foto di loro avvinghiati in stile kamasutra;
- Laura Barriales ("E chi cazzo é questa?" é stato il pensiero che ho formulato alla vista del pezzo) che fa le vacanze a Formentera e mostra le sue grazie;
- Letizia Ortiz ("E chi stracazzo é questa?", ho ripensato) e il suo "look sexy";
- Sharon Stone in vacanza a col suo toyboy (e io che immaginavo giocasse con Hello Kitty!);
- Sabina Began (e io che pensavo davvero fosse una fottutissima ape) in cinta al terzo mese in bikini e, infine, Melissa e Kevin - non chiedetemi chi siano, perché non ne ho idea - il cui amore va a gonfie vele.

Insomma, tredici-notizie-tredici con foto o video degne della più tettuta "Novella 2000" o, andando indietro nel tempo, al simpatico "Blitz". Va bene che é agosto, va bene: spazi da riempire ce n'è un fottìo. Peró perché dare spazio a queste nullità che meriterebbero l'oblìo e non invece la prima pagina - seppure web - dell'orgoglioso "più autorevole quotidiano italiano?".

Bah, non so. So solo che il mio amico Manotto é felice perché, per guarire della sua segaiolite, puó darsi un tono da borghese illuminato, leggendo il "Corriere della Sera". Scambiando però, nella sua mente e nelle sue mani, la leggendaria “Sera” con una fantastica, esplosiva sega.

burp


 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook