Stefano Grazioli
Gorky Park
10 Agosto Ago 2012 0716 10 agosto 2012

Stragi, processi e la Realpolitik della Baronessa

Bell'articolo su questo giornale firmato Giovanni del Re sulla questione nigeriana e l'immobilitá europea.

In riassunto: "In Nigeria si ripetono le stragi di cristiani e l’Europa che fa? Nulla. Anzi, stanzia dei finanziamenti, senza andare troppo per il sottile. Sulla questione umanitaria, invece, escono solo parole di impegno che, però, non hanno seguito. L’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza comune europea, Catherine Ashton, non ha fatto nulla. Manco presentarsi al Parlamento europeo che le chiedeva di muoversi. I motivi? Non si vogliono irritare gli Stati islamici e in Nigeria c'è il petrolio, tanto petrolio".

Ecco, allo stesso modo la Baronessa non tocca la Cina e invece si sbraccia per Yulia Tymoshenko e le Pussy Riot come se non avesse altro da fare. Il discorso é ovviamente allargato a tutti gli altri, da scegliere nel folto mazzo dei doppiopesisti che si preoccupano di questioni cosmetiche e dimenticano quelle ben più sostanziali.


 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook