Vito Kappa
Kahlunnia
16 Agosto Ago 2012 1036 16 agosto 2012

Beppe vuole Travaglio al posto di Monti

Girano voci, si dicono cose su Marco Travaglio. Si dice che Beppe voglia candidare Marco come premier del Movimento 5 Stelle. Si dice che gli spin doctor del comico-politico-blogger ligure stiano lavorando ad una campagna elettorale che faccia proprie le denunce fatte dal giornalista Travaglio nel corso di questi anni. Si dice, ma questo lo dico io, che la "sensibilità" de Il Fatto Quotidiano nei confronti del Beppone nazionale non fosse così casuale. In fondo essere sensibili con Beppe è giusto. È giusto "guardare con interesse" alla nuova realtà del M5S. Così come era giusto attaccare Giannino che, casualmente, era partito da poco con Fermare il Declino. Di cose giuste e sbagliate ne è pieno il Mondo. Di giustizialisti anche. Quel che mi dispiacerebbe, se davvero Marco fosse il candidato di Beppe, sarebbe mettere in dubbio l'imparzialità di un giornale per cui avrei sempre scritto volentieri. Mi dispiacerebbe sospettare che in realtà la linea editoriale non era altro che la linea politica. Mi dispiacerebbe scoprire che il consenso era accondiscendenza. Mi dispiacerebbe scoprire che quell'accondiscendenza non è poi così diversa da quella degli altri partiti. Mi dispiacerebbe pensar male, ma da garantista aspetto di vedere quel che succede. Nel frattempo continuo a sognare un giornalismo meno moralista. Un giornalismo che riporti le notizie per quello che sono e non per quelle che dovrebbero/potrebbero essere. Vito Kahlun Su Twitter: @vitokappa

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook