L’errore in rassegna
16 Agosto Ago 2012 0844 16 agosto 2012

Verbi transitivi e intransitivi. Una distinzione non sempre assoluta.

I verbi transitivi sono quelli che esprimono l’azione che transita dal soggetto al complemento oggetto (Enrico mangia una mela). I verbi intransitivi, invece, sono quelli che esprimono un’azione che non transita sul complemento oggetto (Enrico è tornato dalle vacanze). Ma tale distinzione non è assoluta. Ci sono alcuni verbi, infatti, che possono avere sia la funzione transitiva che intransitiva, a seconda del loro utilizzo nella frase. Come sempre, la risposta ai dubbi arriva dal vocabolario che indica se il verbo è transitivo o intransitivo. Molti verbi, di norma intransitivi, diventano transitivi quando sono seguiti, in forma di complemento oggetto, da un nome che presenta la stessa radice del verbo o che è strettamente legato ad esso dal punto di vista semantico (Vivere una vita; piangere tutte le lacrime). Inoltre, molti verbi assumono un significato diverso se vengono usati come transitivi o intransitivi sia assoluti, sia accompagnati da un complemento indiretto (Cambiare è un verbo che può essere usato sia come transitivo che come intransitivo).

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook