L’errore in rassegna
24 Agosto Ago 2012 0805 24 agosto 2012

Soprannomi e pseudonimi.

Capita spesso di imbattersi in nomi propri che, nel periodo, sono utilizzati come nomi comuni. Pensiamo, ad esempio, a Atlante (il personaggio mitologico condannato a sostenere il mondo) o a Cicerone (l’oratore romano più famoso- e forse anche il più odiato dagli studenti). Ed ecco, infatti, che usiamo la parola atlante per indicare il libro che raccoglie tutte le carte geografiche e definiamo cicerone una guida turistica molto preparata. Gli pseudonimi, invece, sono quei nomi propri che, in realtà, sono nomi falsi scelti appositamente da uno scrittore, un artista, ecc. (Alberto Moravia è lo pseudonimo di Alberto Pincherle). Infine, vengono considerati nomi propri i nomi di maschere (Pulcinella) e i soprannomi che, di solito, sono appellativi scherzosi o ingiuriosi. I soprannomi possono prendere spunto da qualche caratteristica individuale, dal luogo di provenienza, dal mestiere, ecc.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook