L’errore in rassegna
27 Agosto Ago 2012 0624 27 agosto 2012

Nomi collettivi.

Un gruppo di ragazzi è sulla spiaggia. L’errore, in questa frase, non c’è. Ci sarebbe, invece, se fosse scritto che “un gruppo di ragazzi sono sulla spiaggia”. Perché? Perché gruppo, così come altri nomi che indicano un insieme di persone, di animali o di cose, è un nome collettivo. I nomi collettivi sono quei nomi che, pur essendo utilizzati al singolare, indicano più persone, animali o cose. E proprio perché utilizzati al singolare, chiedono che anche il verbo sia coniugato alla terza persona singolare. Sbagliato, dunque, farsi distrarre dalla specificazione che segue il nome collettivo (nel nostro esempio, di ragazzi) che, ovviamente, è al plurale.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook