Massimiliano Gallo
Mi consento
2 Settembre Set 2012 1349 02 settembre 2012

La verità è che la Rete di D’Alema e Veltroni se ne infischia

Beh, mai la differenza tra giornalismo tradizionale e giornalismo on line mi era apparsa più nitida. Stamattina sono stato allertato da un logicamente eccitato Michele Fusco - che di notizie se ne intende - sulla recensione-elogio di Massimo D’Alema al libro di Walter Veltroni in proma pagina sull’Unità. Una notizia non meno che epocale per quelli della cosiddetta vecchia guardia. L’eccitazione ha contagiato me. Mi è parsa sconvolgente. 

Poi, però, col passar delle ore, navigando qua e là, mi sono reso conto che la nostra notizia epocale per la rete è nulla, è era mesozoica. Certo, è accordo tra due vecchiacci per poter continuare a galleggiare, ma non se ne curano più di tanto. Non sono tra i dieci trend tweet, su facebook qualche accenno di discussione, ma davvero poca roba. 

Lo ammetto, ne sono rimasto colpito. Un po’ come quando un ragazzo in ascensore mi dà del lei. 

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook