Salvatore Grizzanti
Radical Cafe
3 Settembre Set 2012 2014 03 settembre 2012

Non solo marocchini, Grillo e i romeni...

Sta facendo parlare in queste ore un video, pubblicato su YouTube dal blogger Daniele Sensi tratto dallo spettacolo di Beppe Grillo Incantesimi, in cui il padrone del Movimento 5 Stelle istruisce i Carabinieri su come menare i "marocchini rompicoglioni" senza farsi immortalare da telecamere.

Grillo si difende pubblicando lo show integrale ma non mi pare che cambi qualcosa...

Grillo è xenofobo? Sicuramente mostra scarso senso del diritto; è meritevole raccogliere fondi per Rudra Bianzino grazie alla forza del proprio blog ma si è i primi sponsorizzatori di un certo regime se si dicono certe bestialità nei propri spettacoli: il regime che ammazza i Bianzino, gli Aldrovandi, I Cucchi e tutti gli altri.

Ma tornando alla xenofobia che tanti voti fa prendere... nel repertorio del genovese non ci sono solo i marocchini: il 5 novembre 2007, sul suo blog, pubblica un post in cui attacca duramente Franco Frattini, allora commissario europeo, e, soprattutto, Emma Bonino, allora ministro delle politiche europee. Perché? Entrambi erano contrari ad una moratoria sull'entrata dei lavoratori bulgari e rumeni in Italia.

Un consiglio a Grillo: si faccia un giro in un reparto geriatria di un qualsiasi ospedale italiano e provi a constatare cosa quella moratoria avrebbe provocato a livello di mancata assistenza oltre al fatto che costruire un' Unione Europea con moratorie di accesso per i cittadini europei nei singoli stati membri è una contraddizione in sé e che l'italia dovrebbe provare ad attirare sul proprio territorio non solo badanti ma anche ingegneri.

Dimanticavo... resta comunque il fatto che per Grillo la cittadinanza ai bambini stranieri nati in Italia è "senza senso". Il motivo non è dato saperlo, di certo Grillo quando si tratta di migranti canta sempre sulle note nazionaliste salvo poi criticare le Olimpiadi come trionfo del nazionalismo... Le Olimpiadi, quelle sì che sono pericolose.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook