Luca Rinaldi
Pizza Connection
11 Settembre Set 2012 1535 11 settembre 2012

Altri 37 arresti per la 'ndrangheta in Lombardia, ma le risorse in 'capitale sociale' del crimine sono sempre troppe

Estorsioni e avvertimenti alle aziende che non si piegano ai meccanismi. «Noi riceviamo segnalazioni da parte di persone vicine a noi che gestiscono agenzie immobiliari e sanno chi è in difficoltà e chi si può colpire – spiega Belnome – così noi andiamo. Ci sono soggetti più facili, come per esempio i calabresi che conoscono bene il ‘meccanismo’ e pagano senza bisogno di intimidazioni. Altri invece hanno bisogno di trattamenti più pesanti e per un periodo vengono accantonati». Così il collaboratore di giustizia Antonino Belnome riferiva, come documentato anche dalla cronaca del sottoscritto, nel marzo di quest'anno. È lui stesso che fa capire come in realtà siano ancora in libertà soggetti dei clan che ancora agiscono sui territori.

Lui, arrestato nel 2010, ma che già era stato sostituito da un altro 'capo-locale', Ulisse Panetta, che darà anche il nome all'operazione scattata nella notte con altri 37 arresti nell'ambito di una costola dell'operazione "Infinito", scattata nel luglio 2010. Farà eco mediatico il bunker ritrovato in quel di Seregno e Ilda Boccassini che ancora una volta ripete che quello sulle usure e le estorsioni è «un dato inquietante e una situazione che permane, almeno finché la classe imprenditoriale non capirà che stare con lo Stato è più pagante che stare con l’anti-Stato».

La realtà e quello che dovrebbe continuare a far tenere alta la guardia, è che la 'ndrangheta al nord ha tante risorse, troppe, anche in fatto di "capitale sociale" a cavallo tra politica e imprenditoria. Se nell'operazione di questa mattina infatti si può dire che è finito in manette un 'gruppo di fuoco', e volendosi discostare dalla 'ndrangheta descritta nell'operazione 'Crimine-Infinito', bisogna dire che il gotha della 'ndrangheta di Reggio, in particolare i De Stefano e le cosche gravitanti attorno agli stessi De Stefano qui esistono da decenni e hanno trovato ottime sponde. Nella politica, nell'imprenditoria e talvolta, purtroppo, anche tra le stesse forze dell'Ordine. Solo gli arresti, non sono mai bastati e non basteranno

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook