Intervistato.com
11 Settembre Set 2012 1331 11 settembre 2012

Ben Starr su Intervistato.com

■ Chi è Ben Starr?

Qualche tempo fa abbiamo intervistato Ben Starr, scrittore di viaggio, chef ed ex concorrente di MasterChef USA nella seconda stagione. Interessato di culture diverse e di come queste influenzano le tradizioni culinarie fin da giovanissimo, Ben ci ha raccontato quale è stato il percorso che l'ha portato a girare il mondo inseguendo la sua più grande passione.

Innanzitutto abbiamo chiesto a Ben come è iniziata la sua carriera culinaria: lui fa risalire l'inizio addirittura all'età di 4 anni. Essendo nato e cresciuto in una famiglia povera, la madre e la nonna si ingegnavano sempre per trovare metodi alternativi per cucinare, data l'assenza di gadget dedicati. Affascinato dunque da quella che all'epoca vedeva quasi come “magia”, Ben ha iniziato a seguirle sempre più attentamente in cucina, imparando a padroneggiare sempre più ricette nel corso del tempo.

Abbiamo chiesto a Ben come è entrato nel concorso MasterChef: a causa di precedenti esperienze in TV, aveva deciso di non partecipare mai più a reality, anche quando avessero avuto a che fare con la sua più grande passione, il cibo. Ma dopo aver visto la prima stagione di MasterChef, alcuni suoi amici hanno inviato il modulo di iscrizione alla seconda stagione di MasterChef a sua insaputa. Trovando il suo profilo molto interessante, le persone del casting lo hanno convinto ad andare a fare l'audizione, e quindi a partecipare.

Ben ci ha rivelato che essere dentro la produzione è stato molto, molto diverso rispetto al vedere il programma in TV. La location era un capannone polveroso, dove era necessario essere costantemente attenti persino a dove si stava seduti. In secondo luogo, il tempo è molto diverso: un singolo episodio di 45 minuti viene generalmente filmato in 3 o 4 giorni, costringendo i partecipanti a indossare gli stessi vestiti senza lavarli, e truccarsi sempre allo stesso modo. Infine, un altro aspetto che Ben ritiene particolarmente interessante è l'intervista relativa alle singole sfide, generalmente filmata 3 o 4 giorni dopo la sfida stessa.

Per quel che concerne i rapporti all'interno del gruppo di competitor, si sono venute a creare dinamiche molto particolari. Essendo completamente isolati da amici e familiari per due mesi, il gruppo diventa l'unica “famiglia” in quel periodo, in quanto si dorme, si mangia, e si vive nello stesso posto tutti insieme. Allo stesso tempo, però, c'è l'aspetto delle interviste individuali, durante le quali i produttori vogliono che ogni partecipante parli in maniera molto onesta di quello che realmente pensa degli altri concorrenti. L'intervistatore stesso è una persona preparata per “estrarre” questo genere di informazioni, facendo parlare gli intervistati in una maniera molto candida, difficilmente possibile alla presenza della persona di cui si sta parlando.

Lavorare con chef di fama internazionale come Gordon Ramsay , Joe Bastianich e Graham Elliot è senz'altro stata un'esperienza molto interessante: si scopre allo stesso tempo che le personalità televisive hanno un modo di fare per la videocamera e un altro modo di fare nella vita normale. Joe, che è ritenuto un giudice estremamente severo e rigido, è in realtà completamente diverso quando la telecamera si spegne. Ramsay, conosciuto per il suo vocabolario colorito, diventa tanto gentile e cortese off-camera quanto lo è aggressivo e cattivo on-camera.

Ci sono tantissime cose che è possibile imparare dalle diverse culture e tradizioni culinarie in giro per il mondo. Secondo Ben a prescindere da chi tu sia, e da quale sia la tua religione o il tuo stato socio economico, quando arriva il momento di celebrare la vita e l'amore, non importa che tu sia un miliardario con una villa sul Mediterraneo oppure un beduino che vive in mezzo al deserto: in ogni caso cucinerai per i tuoi cari, e il cibo è una delle poche cose che tutte le persone condividono nel mondo.

Naturalmente invito tutti a visionare l’intervista, molto ricca di spunti e riflessioni. Buona visione!

Leggi il post completo su Intervistato.com

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook