La materia non è solida
25 Settembre Set 2012 1142 25 settembre 2012

La Minetti è brutta

La Minetti è brutta.

Non è un giudizio rancoroso. Non lo dico perché è del PDL, perché "ce ne sono altre più belle" o per le grandi gesta che l'hanno portata al consiglio regionale della Lombardia, ma perché è obiettivamente brutta. E' il classico esempio di "altezza mezza bellezza", nient'altro. I canoni estetici falliscono di fronte a tanta stallonaggine. Che sia alta un metro e ottanta, abbia tette stratosferiche e un giro vita proporzionatissimo dice poco, molto poco della bellezza, ma anche della figaggine.

Perché è brutta? Perché è brutta. Ripetetelo con me. E' liberatorio. Libera dai vincoli, quelli dai canoni estetici fondati sul gonfiore e la rotondità materna, quelli che obbligano a dire: "Che figa!". La Minetti manca di eleganza, quella fondata sulla camminata che attira davvero gli sguardi. Non ha erotismo, quello del vedo-non vedo. Ha un viso da trans che pare si prenda a cazzotti in faccia tutte le mattine. E poi, visto che dietro la sua figaggine c'è una malcelata carica sessuale, chi l'ha detto che sia brava a letto?

Forse mi accanisco, alla fine si parla solo di "figaggine". Ma cos'è questa "figaggine"? Se ciò che la parola indica è ciò che il giudizio riduce a puro oggetto, e se quel "solo" si riferisce ad una morbida eccitazione al limite del porno, allora non avete visto proprio niente.

Il mio non è un giudizio soggettivo, anzi lo è, ma in senso kantiano. Lo dico io, ma vale per tutti, basta rifletterci, non per forza col cervello.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook