L’errore in rassegna
4 Ottobre Ott 2012 2040 04 ottobre 2012

Paragone o partitivo?

Quando, in una frase, il confronto esprime un rapporto di maggioranza o di minoranza, non bisogna confondere il complemento di paragone con quello partitivo. Per non cadere in errore, basta ricordare che il complemento di paragone dipende da un comparativo, mentre il complemento partitivo dipende da un superlativo relativo. Esempio: Lucia è più giovane di noi; Lucia è la più giovane di noi.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook