Massimiliano Gallo
Mi consento
4 Ottobre Ott 2012 1625 04 ottobre 2012

Perché il centrosinistra deve candidare Riccardi a sindaco di Roma?

Riusciranno i nostri eroi del centrosinistra a perdere ancora una volta le elezioni comunali a Roma? Direi che sono sulla strada giusta. In meno di quarantott’ore si sono sbarazzati del candidato più autorevole al Campidoglio, Nicola Zingaretti, dirottandolo sulla Regione Lazio. E stanno facendo circolare con sempre più insistenza l’ipotesi di una candidatura di Andrea Riccardi, Udc, (non brillante) ministro per la Cooperazione e fondatore della Comunità di Sant’Egidio.

Riccardi può essere senza dubbio un candidato per il cosiddetto centro, ma è inspiegabile che il centrosinistra possa supportarlo. Non è un politico propriamente detto e ha una definizione cattolica piuttosto pronunciata. Nulla di male, per carità, ma è distante anni luce da un elettore medio di sinistra. Grande esperto di immigrazione, per carità, però amministrare una città è un altro sport.

L’esperienza dovrebbe insegnare qualcosa e già quattro anni fa la candidatura sbagliata di Rutelli aprì la strada alla vittoria di Alemanno. Ancora una volta si vuole far “scontare” a Roma un accordo a livello nazionale, in questo caso tra il centrosinistra e l’Udc. Per fortuna che c’è tempo a sufficienza affinché la storia non si ripeta. Magari basterebbe fare le primarie. Le avessero organizzate anche nel 2008, probabilmente Roma avrebbe avuto un altro sindaco.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook