THE BLAIR MUM PROJECT: blog di una mamma (e figlia) a Londra
5 Ottobre Ott 2012 1301 05 ottobre 2012

Paura di cadere

Hey, oggi è pizza friday, l'ufficio dove lavoro offre lunch a tutti, yeaaaahhhhh. Un bel modo di lasciarsi la settimana alle spalle, ed iniziarne una nuova. Vi avevo detto che il capo di mio marito mi ha mandato i fiori per averlo trattenuto in ufficio un po' troppo (cioé non è mai tornato a casa...)?Ecco. Ho deciso di andarci pesante. Citava, il mio biglietto di risposta: "Grazie infinite dei fiori. La prossima volta, tenetevi il marito e mandatemi una baby sitter, così posso uscire a divertirmi". Dice l'hanno presa bene. Menomale. Perché io davvero ho bisogno di una baby sitter e l'unica che avevo, si è ammalata dopo solo due giorni. O forse dopo aver sentito Viola parlare di Ulisse. Ci è rimasta male, dice. Una bambina di 4 anni non può essere interessata alla mitologia greca. E invece, guarda un po', lei lo è. E così tutte le sere, ecco Ulisse, Penelope, Polifemo, Telemaco e chi più ne ha più ne metta. Infondo è una storia come un'altra, e a lei, che differenza fa? Le piace. E non è forse preferibile Penelope a Cenerentola? Anche io sapete sono qua che aspetto. Eh sì, aspetto. Invano. A volte è meglio smettere di aspettare e basta. Quindi non credo che mio marito tornerà mai a casa alle 6. O alle 7. Ma neanche alle 8 o alle 9. E io, che sto lavorando su 3 testate diverse, una consulenza, un ufficio tutto nuovo, ed un credo che dilaga sino a sottrarmi ai miei doveri di madre e moglie perfetta (ma quando mai), non so proprio come fare. Oggi, esasperata, ho chiesto se alla riunione potevo presentarmi con Viola. Li ho tranquillizzati "Sapete, lei legge Ulisse e noi intanto facciamo la riunione". Forse vivo su un altro pianeta? Ma che devo fare? Gentilmente, molto, mi è stato detto che avrò altre occasioni per partecipare ad altre riunioni. Senza figlia.

Credo di avere l'appendicite. Strane fitte stanno tempestando il lato destro del mio corpo, proprio sotto le costole. C'è un medico tra di voi? Il male è lancinante. Il fatto è che o sei madre full time, o lavori full time. La combinazione delle due cose, mi riesce male. Così Viola ha mandato avanti Ulisse a parlare per suo conto: " Sai mamma, Ulisse si annoia tanto". Ecco, non ci vuole Jung per comprendere la metafora: "Mamma non ho il coraggio di dirti che sei una stronza e che non giochi mai con me". Messaggio ricevuto. E' vero. Ma io detesto giocare! Proprio non mi riesce. Posso giocare con la realtà, cioé rendere la giornata che viviamo fantasiosa con quello che ci offre, partendo appunto dalla realtà e non dalla fantasia. La fantasia la applico alle questioni reali, e così posso andare con Viola ad un museo e analizzare per ore tutti i dettagli di un quadro, divertirci, farne una storia, ma non mi mettete per terra a giocare con le bambole perché potrei impiccarle tutte. Partire dalla fantasia, no, è troppo per me. Partire dalla realtà e trasformarla, avvicinarla alla fantasia, sì. "Signorina, lei è laureata?" "Certo" "In cosa?" "Fantasia applicata". Non so se è una forma mentale, se è mancanza di coraggio, non mi stacco da terra, non volo, perché la vera paura non è quella di volare, piuttosto di cadere. E detesto farmi del male. Se vengo presa per mano e portata lassù, in alto in alto, allora volare è meraviglioso e non ho più timori. Succede poi che quando le cose si mettono male, il mio incoscio manda segnali ben precisi e allora è una settimana che sogno aerei che cascano. Ecco. Ho paura di cadere. Volo in alto e poi inevitabilmente, casco. Ma qual'è allora la soluzione? Volare basso? Mettersi il paracadute? Devo essere sempre pronta a cadere? Voglio mille, diecimila materassi che attutiscano il colpo, grazie. Dove sono i marchi di materassi?

The Blair Mum Project è su Facebook con un gruppo

The Blair Mum Project è su Facebook con una pagina

The Blair Mum Project è su Twitter

The Blair Mum Project è su Google+

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook