Eta (senza Beta)
5 Ottobre Ott 2012 1552 05 ottobre 2012

“Repubblica” s’è desta sull’affare Frati? Non proprio

Sulla “Repubblica” di oggi (5 ottobre) compare, finalmente nelle pagine nazionali (e non, come spesso, nella cronaca romana), un articolo, a firma di Fabio Tonacci (Dall’Atac di Roma alla Sicilia l’assunzione è affare di famiglia; ecco la mappa di Parentopoli), che denuncia gli innumerevoli scandali delle assunzioni attuate su base familiare, dalle Alpi alla Sicilia; perché i leghisti sono in questo, come giustamente illustra Tonacci, del tutto alieni dal federalismo, e anzi dediti precisamente come gli altri allo sport nazionale più increscioso (e dannoso non solo per la reputazione del nostro collassato Paese, ma per la conseguente possibilità che vi avvengano investimenti dall’estero). Ho fatto un sobbalzo di positiva sorpresa quando ho visto, nella grafica che corredava l’articolo, il nome di Giacomo Frati, il figlio del rettore della “Sapienza”, chiamato al Policlinico Umberto I, come ricorda il fondino, dal direttore generale Capparelli, a sua volta nominato da Luigi Frati, cioè il padre (nonché ovviamente rettore) dell’assunto Giacomo.
I giornalisti colti (ci sono, e sono più di quanti si creda) sanno bene che alcune delle regole del loro mestiere non le hanno inventate loro, ma sono già tutte nei grandi trattati di retorica dell’antichità. Esse dicono, a esempio, che la disposizione delle parti del discorso riveste enorme importanza ai fini dell’incisività del discorso medesimo. Anzi, quella che qui illustro è l’ennesima vicenda che dimostra come vera la tesi che da anni mi sforzo di esporre ai miei allievi: e cioè che saper leggere i grandi testi è il modo migliore per saper leggere anche le notizie quotidiane. Infatti, mettere il nome di Frati (padre e figlio) nel fondino risulta essere un’abile mossa. Forse qualcuno leggerà solo la grafica, e lascerà perdere l’articolo, pensando che si tratti di un ennesimo caso, simile agli altri. Ne avrà perciò l’informazione di base, ma gli sfuggiranno fatalmente altri interventi nepotistici del rettore nei confronti della propria famiglia (vittoria concorsuale e chiamata a Roma, oltre e prima che per il figlio, anche per la moglie e la figlia, cui va aggiunto un concorso vinto dal nipote Alessandro Frati, ripescato dopo essere arrivato terzo a una competizione per due posti di neurochirurgo dell’ospedale santa Maria Goretti di Latina; lascio pensare a quello che una volta si definiva il “candido lettore” che possibilità di ripescaggio avrebbe avuto persona con diverso cognome).
Ma la cosa più istruttiva è che, se si legge l’articolo, il nome di Frati è scomparso, come non fosse mai esistito. Il giornale cioè non solo, con la scusa che l’articolo tratta di assunzioni, e non di concorsi (ma, a prescindere dal fatto che sul finire l’articolo anche di concorsi tratta, tutti sappiamo come funzionano concorsi e chiamate in ambito universitario), sorvola sulla industria nepotistica del rettore Frati, non affrontando mai il nodo, ma fa di peggio. Dice, in sostanza: “vedi, te lo dico” (al lettore); ma “vedi, non ne parlo” (al rettore).
Speriamo almeno che quando Frati, di cui da tempo chiedo vanamente le dimissioni, non sarà più rettore, alcuni giornalisti non vengano a fare la morale ai professori complici, che hanno sempre taciuto. Giacché il giornale di cui oggi parlo ha fatto qualcosa di assai più criticabile: ha finto di parlare.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook